Elezioni, da Ue stretta anti-bufale: multe ai partiti che le diffondono

Bruxelles prova a fermare il proliferare di fake news in vista del voto di maggio. E mette nel mirino i finanziamenti pubblici alle le forze politiche. Intanto, Facebook annuncia che estenderà all'estero le regole sul controllo della pubblicità elettorale

Quando si parla di giustizia e responsabilità, l’assunto di base è noto: chi sbaglia paga. Parlamento e Consiglio Ue hanno deciso di estendere questo principio anche ai soggetti politici europei, attraverso norme che fanno scattare sanzioni per chi deliberatamente manipola il dibattito sull’Europa a fini elettorali. Via libera, dunque, alle regole anti-fake news e anti manipolazione dei dati personali per raccontare verità alternative a quelle effettive.

Le sanzioni

La misura, approvata a Strasburgo dai negoziatori delle due istituzioni, dovrà ora ricevere il voto formale per poter entrare in vigore. Spetterà alla commissione Affari costituzionali (29 gennaio) e all’Aula (presumibilmente a marzo) dare il via libera alla proposta, che potrebbe essere approvata entro la fine delle legislatura.

In base alla modifiche introdotte, sarà possibile imporre sanzioni finanziarie sui partiti o fondazioni politiche europee che “violano deliberatamente” le norme sulla protezione dei dati per influenzare o tentare di influenzare l'esito delle elezioni europee. Tali sanzioni avrebbero il valore del 5% del bilancio annuale del partito politico europeo o della fondazione interessata. Ad applicare la sanzione sarà dall'Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee.

“Una buona notizia”, commenta la Commissione Ue. Con la scandalo Google-Cambridge Analytica “abbiamo visto come i dati personali possono essere utilizzati impropriamente per manipolare i tempi delle elezioni”, ricorda il commissario per la Giustizia, Vera Jourova. “Ci aspettiamo che i partiti politici europei rispettino pienamente” privacy e regole di buona condotta.

Facebook alla prova del voto Ue

Intanto Facebook ha annunciato che estenderà all'estero le regole sul controllo della pubblicità elettorale. Le procedure intendono limitare le ‘bufale’ in vista delle elezioni di quest’anno per il rinnovo del Parlamento europeo e le elezioni generali in India. Il popolare social network ha introdotto misure per un maggiore controllo sugli annunci politici, vale a dire gli spazi pubblicitari acquistati per sostenere un candidato o un partito. Previsti in particolare esami più approfonditi e controlli preventivi sull'inserzionista, a cui si richiede di essere residente nel Paese dove intende pubblicare l’annuncio.

Potrebbe interessarti

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • 507 migranti fermi in mare. E il centrosinistra spagnolo fa come Salvini

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • “Alcoltest nei porti per bloccare camionisti e conducenti in stato d’ebbrezza”

I più letti della settimana

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Portate la Tav anche al Sud", l'appello di Al Bano a Bruxelles

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

  • "Il reddito di cittadinanza anche a noi", in Belgio favorevoli 6 su 10

  • Condannato per abuso di potere, promosso a ministro degli Interni

Torna su
EuropaToday è in caricamento