Post razzisti, bannato da Facebook e Instagram un leader dell'estrema destra

Tommy Robinson, fondatore della English Defence League, era già stato bandito da Twitter. È accusato di seminare odio soprattutto contro i musulmani, definiti nei suoi “feccia schifosa”

Robinson a una manifestazione pro Brexit - Ansa EPA/ANDY RAIN

Facebook e Insagram hanno deciso di chiudere le pagine di Tommy Robinson, fondatore della English Defence League, gruppo di estrema destra fortemente anti-islamico, e di bandirlo dalle loro piattaforme. La sua pagina Facebook, che aveva più di un milione di fan, “ha ripetutamente infranto gli standard, pubblicando materiale che usa un linguaggio disumanizzante e chiede violenze mirate ai musulmani", ha detto un portavoce del social network, secondo cui l'estremista di destra, il cui vero nome è Stephen Yaxley-Lennon, "si è anche comportato in modi che violano le nostre politiche sull'odio organizzato”

"Questa non è una decisione che prendiamo alla leggera, ma individui e organizzazioni che attaccano gli altri sulla base di ciò che sono non hanno spazio su Facebook o Instagram", ha precisato l'azienda. La decisione arriva dopo che Facebook aveva già emesso un ultimo avvertimento scritto agli amministratori della pagina per dei post in cui definiva i musulmani “feccia schifosa” e in cui invitava le persone a “fargli la guerra”, e a terrorizzare e decapitare coloro che seguono il Corano .

Il 36enne, vicino anche all'Ukip, l'ex partito di Nigel Farage, era già stato bandito da Twitter e ora aumentano le pressioni affinché anche YouTube chiuda il suo canale che ha 300mila iscritti. Robinson ha commentato la notizia affermando che "i media corrotti e l'establishment" stanno cercando "di mettere a tacere qualsiasi opposizione ai loro piani globalisti". I sostenitori hanno definito il divieto come una repressione della "libertà di parola".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Non piegarsi a 90° a questa società finta non stà bene, devi obbedire e farti andare giù il progetto di potenti e lobby, che ovviamente non vivono in mezzo al popolo.

  • Giusto.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Europee, si parte col Regno Unito: i primi a votare saranno coloro che non dovevano farlo

  • Attualità

    Elezioni, sconti e viaggi gratuiti per chi torna nella propria città per votare

  • Attualità

    Tir, approvati i nuovi standard per le cabine degli autotrasportatori

  • Attualità

    "Regole Ue anti fake news una totale stronzata, minacciati da Google e Facebook"

I più letti della settimana

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • Anche la Germania apre ai monopattini elettrici

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • Migranti, cosa dice la lettera dell'Onu che accusa l'Italia di violazione dei diritti umani

  • Sindacato blocca la distribuzione alle edicole del settimanale con Salvini in copertina

  • La Russia divide i sovranisti, ecco perché il gruppo europeo di Salvini potrebbe saltare

Torna su
EuropaToday è in caricamento