Prodi lancia Cecile Kyenge: "Bene un'afro-italiana al Parlamento Ue"

L'endorsement dell'ex premier e presidente della Commissione: "Ha fatto un lavoro utile all’Italia e all’Africa"

Cecile Kyenge, "traccia una strada importante. Secondo me ha fatto un lavoro utile all’Italia e utile all’Africa. Ha tenuto le relazioni con molti paesi africani". Il suo impegno al Parlamento europeo "è stato un bell’esempio. E penso debba proseguire". Parola di uno che l'Europa la conosce bene come Romano Prodi, ex presidente del Consiglio italiano ed ex presidente della Commissione europea a Bruxelles, in un'intervista con Eritrealive commentando il lavoro dell'europarlamentare italiana di origine congolese Cecile Kyenge, candidata alle europee del 26 maggio nella circoscrizione Nord-Est (Emilia-Romagna, Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia).

"L’idea che un africano, nel suo caso anche donna, sia democraticamente e tranquillamente eletta come nostra rappresentante a Strasburgo, a me fa molto piacere", ha aggiunto Prodi. Kyenge, tra le vittime preferite degli attacchi della destra, in particolare dagli esponenti della Lega, sta conducendo una campagna elettorale all'insegna di temi prettamente di sinistra. Nel suo programma per una "Nuova Italia" e per una "Nuova Europa", si parla di un'Europa sociale, a misura dei cittadini, unita sulle migrazioni, accogliente, unita sulla cooperazione e che valorizzi il made in Italy. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Vietata la bandiera italiana al Parlamento europeo”, la Lega attacca Sassoli

  • Smog, Italia è il secondo Paese Ue più inquinato dopo la Romania

  • “No alle bombe nucleari Usa a casa nostra”. Scoppia il caso in Belgio, ma riguarda anche l’Italia

  • “Se studi il Comune ti cancella i debiti”, l'iniziativa per 'salvare' i giovani disoccupati

  • Gli psichiatri vogliono i dati riservati dei social per prevenire i suicidi dei giovani

  • Niente intesa a Bruxelles, la riforma del Mes slitta a dopo le elezioni in Emilia Romagna

Torna su
EuropaToday è in caricamento