Di Maio ringrazia la Romania ma non l'Ue. Bruxelles indispettita: "E' solidarietà europea"

Il ministro degli Esteri ha espresso il suo apprezzamento verso Bucarest dopo l'arrivo di 18 tra medici e infermieri rumeni in Italia. Tralasciando pero' di menzionare l'Unione, che ha coordinato l'operazione. Una dimenticanza non isolata

Foto tratta dal profilo Twitter di Luigi Di Maio

Ha ringraziato tutti, ma proprio tutti: dalla Russia di Vladimir Putin alla Turchia di Recep Erdogan, dagli Usa di Donald Trump alla Cina di Xi Jinping, senza dimenticare il Kuwait, il Qatar, l'Ucraina, l'Albania, la Norvegia, la Polonia e persino l'Egitto. Paesi le cui bandiere campeggiano sul suo profilo Twitter dando colore ai post in cui si sottolinea la solidarietà internazionale ricevuta dall'Italia con mascherine e altre attrezzature mediche inviateci per far fronte alla pandemia. "Questo dimostra che l’Italia non è sola e che coltivare amicizie con altri Stati è fondamentale", ha spiegato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Alla cui collezione di vessili, pero', mancano alcune bandiere di peso come quelle di Germania e Francia. E, salvo una rara apparizione a marzo, anche quella dell'Unione europea. E questo nonostante la Commissione europea abbia messo in piedi in tempi record un meccanismo di acquisti sanitari mirato proprio all'Italia. E nonostante la Germania si sia presa carico di oltre 60 pazienti italiani. Carenza che a Bruxelles hanno notato con un certo fastidio.

L'ultima 'dimenticanza' del capo della diplomazia tricolore sembra aver fatto traboccare il vaso: il 7 aprile, grazie al meccanismo di protezione civile da poco creato dall'Ue, sono arrivati a dare sostegno agli ospedali italiani 18 tra medici e infermieri rumeni. Come da prassi, Di Maio ha diramato un tweet di ringraziamento: "La storia ci insegna che la solidarietà tra popoli ha un valore inestimabile", scrive il ministro, che poi ringrazia in rumeno, "multumesc", e chiude con un due belle bandierine: quella italiana e quella della Romania. Niente bandiera Ue, ancora una volta. Nei corridoi di Bruxelles la cosa non è stata proprio gradita, soprattutto dopo settimane di sforzi da parte della Commissione volti a sostenere il nostro Paese, anche svolgendo compiti che non gli appartengono in pieno, come l'acquisto di mascherine e respiratori, dato che finora tutti gli Stati membri sono stati gelosi custodi della propria spesa pubblica per farmaci e attrezzature mediche (dimostratasi inadeguata un po' ovunque). 

A dimostrare che a Bruxelles hanno perso la pazienza con l'ex leader dei 5 stelle è un tweet della presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen a corredo del video in cui compaiono i volontari del personale medico rumeno arrivati in Italia: "Dottori e infermieri dalla Romania in Italia per trattare pazienti colpiti da coronavirus e aiutare la famiglia dell'Unione europea. Questa è la solidarietà europea in azione", si legge. Un modo per rivendicare il ruolo giocato dall'Ue.

Del resto, se si confrontano le donazioni, la bilancia pende tutta verso Bruxelles e i suoi Stati membri, come è logico anche che sia. Quasi 3 milioni di mascherine, 300 ventilatori, staff medico inviato in Italia e decine di pazienti italiani trasferiti in Germania e Austria. Nessuno Stato extra-Ue, Cina compresa, ha fatto tanto. Senza dimenticare che proprio la Cina, nel pieno della sua crisi sanitaria per via del coronavirus, aveva ricevuto in donazione dall'Ue 56 milioni di tonnellate di materiale medico. 

Tutte cifre che i responsabili della comunicazione Ue stanno cercando di diffondere il più possibile per contrastare l'antieuropeismo crescente nel nostro Paese. Alimentato anche da fake news e veline che, secondo la task force anti-disinformazione dell'Ue, starebbero invadendo media e social europei sotto la spinta di Russia, destra Usa e Cina.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • L'alleata tedesca di Salvini: "Italia avida, no aiuti a fondo perduto"

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • Di Maio prova a 'vendere' l'Italia ai tedeschi: "Da noi vacanze sicure, vi daremo report aggiornato"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

Torna su
EuropaToday è in caricamento