Di Maio "assenteista" in Europa: presente in Consiglio solo 3 volte

Il vicepremier del M5s ha partecipato finora solo a 3 riunioni dei ministri Ue sulle 14 che riguardano le materie di sua commpetenza. Poco meglio di Salvini, fermo a 1 su 7

Non è solo Matteo Salvini a disertare le riunioni europee cui dovrebbe partecipare in qualità di ministro degli Interni. Anche l'altro 'uomo forte' del governo gialloverde, Luigi Di Maio, si è fatto notare in questo primo anno da vicepremier con portafogli al Lavoro e allo Sviluppo economico per le sue assenze ai meeting dei Consigli Ue in cui si sono affrontate le materie di sua competenza: solo 3 presenze a fronte di 14 riunioni.

L'ultima assenza l'ha fatta registrare in queste ore al Consiglio Occupazione e politiche sociali in corso a Bruxelles. Al suo posto, come già capitato in passato, non ci sarà nessun esponente politico del governo (viceministri o sottosegretari), ma il rappresentante permanente aggiunto Michele Quaroni. In agenda in questa riunione, la prima del settore sotto la nuova presidenza finlandese dell'Unione, ci sono le ormai note e temute raccomandazioni specifiche per Paese della Commissione, le politiche a favore dell'occupazione e i modi per conciliare tali politiche con la strategia europea sul clima. 

Dopo poco più di un anno da ministro, Di Maio ha incontrato i colleghi che si occupano di Lavoro solo 2 volte su 7. Ma essendo anche responsabile per lo sviluppo economico, il leader del M5s è membro anche del Consiglio Competitività dell'Ue, dove finora si è visto 1 sola volta su 7 meeting. Eppure Di Maio aveva cominciato bene la sua avventura da rappresentante del governo in Europa, partecipando ai primi due Consigli Occupazione della sua agenda (giugno e luglio 2018) e al meeting sulla competitività dello scorso novembre. Da allora, pero', il vicepremier pentastellato è uscito dai radar europei.

A sostituirlo sono stati i sottosegretari Cominardi (M5s) e Durigon (Lega) in 4 meeting sull'Occupazione, mentre in generale il più presente al posto del ministro è stato il già citato rappresentante permanente aggiunto Quaroni, ossia l'ambasciatore italiano presso l'Ue.  E' tocato a loro far valere le posizioni del governo gialloverde e dell'Italia su temi come la lotta alla disoccupazione di lunga durata, le nuove norme europee per proteggere i diritti di precari e partite Iva, le politiche per migliorare l'accesso alle prestazioni sociali, il contrasto alle sostanze cancerogene nei luoghi di lavoro. O ancora l'impatto della digitalizzazione e della robotica su occupazione e sviluppo. 

Per chi volesse approfondire i temi trattati durante queste riunioni puo' consultare il sito del Consiglio dell'Ue.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento