“Dalla Catalogna effetto domino negativo in Europa, l'indipentismo va fermato”

L'appello al Parlamento Ue della leader di Ciudadanos a Barcellona, Inés Arrimadas Garcìa: “A Maroni dico che bisogna superare nazionalismi e barriere”

La leader di Ciudadanos in Catalogna, Inés Arrimadas Garcìa, al Parlamento Ue (Facebook)

"Quello che sta succedendo in Catalogna può avere un effetto domino, se non lo fermiamo. Se lasciamo che il governo della Generalitat la faccia franca, questo può avere ripercussioni negative su altri Paesi dell'Ue. E' un vaso di Pandora". Così Inés Arrimadas Garcìa, leader dell'opposizione nel Parlamento della Catalogna, del partito liberale di centro Ciudadanos, ha commentato, a margine di una conferenza stampa nella sede del Parlamento europeo, a Bruxelles, le posizioni favorevoli all'indipendentismo catalano di alcuni esponenti politici italiani, come il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni

Il governatore lombardo aveva ribadito le sue simpatie per la causa indipendentista catalana, dopo che la Spagna non ha appoggiato Milano come nuova sede dell'Ema. Per la leader dell'opposizione catalana, secondo quanto raccolto dall'AdnKronos, la causa indipendentista e il nazionalismo delle “piccole patrie” potrebbero contagiare altri Stati nazionali dell'Ue: "E' per questo, credo, che le istituzioni europee - afferma - stanno dicendo chiaramente che non appoggiano quello che sta succedendo in Catalogna e che non appoggiano quello che propone l'ex presidente Carles Puigdemont, perché l'Ue è stata fondata precisamente per superare i nazionalismi e le barriere".

"Se lasciamo che l'ex presidente Puigdemont faccia quello che vuole fare, non c'è il minimo dubbio che la cosa possa contagiare altri paesi europei. Pertanto quelli che credono nell'Ue devono essere fermi nel difendere il senso comune, l'Ue, la solidarietà e il rispetto delle leggi", ha aggiunto la giovane esponente politica.

Potrebbe interessarti

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Germania e Austria bocciano il piano italiano: "Vecchio di 3 anni"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Difesa europea, Macron convoca vertice con 11 Paesi Ue. Ma l'Italia non c'è

I più letti della settimana

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Il "patto del cavoletto" tra Pd e M5s spacca il governo. E ora la Lega teme per il 'suo' commissario

  • Un euro al giorno per prendere tutti i mezzi pubblici, a Berlino pronta la rivoluzione del trasporto

  • Migranti, Von der Leyen: "Salvare vite in mare è un dovere, riformare regole di Dublino"

  • Migranti, ministro tedesco a Salvini: "Stai già twittando per dire che siamo cattivi?"

Torna su
EuropaToday è in caricamento