Dalle Russia con Fake News: "Scoperte 3.500 azioni di disinformazione", assicura Mogherini

Da Mosca notizie che gettano "discredito sui processi democratici, la politica e i valori europei". Ma per saperne di più sul loro impatto ci vuole più collaborazione da parte degli Stati membri, lamenta l'Alto rappresentante Ue

EPA/MAXIM SHIPENKOV / POOL

Dalle Russia con fake news: sono 3.500 gli esempi di disinformazione registrati dalla task force East Stratcom, il gruppo di esterti messo in piedi dalla Ue nel 2015 per individuare e contrastare gli attacchi orchestrati da Mosca via internet. Ad annunciare la dimensione della galassia fake russa è l'Alto rappresentante per la politica estera e di difesa Federica Mogherini, rispondendo ad una interrogazione parlamentare dell'eurodeputata spagnola liberale Beatriz Becerra, interessata a scoprire le presunte manovre del Cremlino dietro al processo secessionista catalano. 

Mogherini: "Discredito sui processi democratici, la politica e i valori europei"

Su questo fronte Mogherini non ha voluto rispondere, preferendo tracciare un panorama generale fatto, scrive nella risposta all'interrogazione, di false notizie che nella maggioranza dei casi "gettano discredito sui processi democratici, la politica e i valori europei". 

Tutti contro le Fake News, ma gli Stati collaborano poco

Al tempo stesso l'Alto rappresentante Ue ammette che "mancano dati sufficienti per determinare correttamente l'autentica dimensione delle attività di disinformazione che favoriscono gli interessi del Cremlino negli Stati membri". Il motivo principale di questa lacuna, spiega sempre Mogherini, dipende dal fatto che il lavoro degli esperti Ue dipende in gran parte dalla collaborazione degli stessi Stati membri, che, evidentemente, dicono di voler contrastare il fenomeno ma che poi non condividono le informazioni sulla disinformazione. 

Come funziona la tas force europea

La task force di East Stratcom è stata creata nel 2015 dal Consiglio europeo sulla scia della crisi ucraina e dell'annessione della Crimea da parte di Mosca e su richiesta, in particolare, dei paesi dell'Est. Gli esperti Ue puntano il dito sul miliardo di euro speso dal Cremlino per finanziare i media e, più in particolare, sul canale Russia Today, presente in 100 paesi e con diverse edizioni in lingue diverse, e sul sito Sputnik, che pubblica notizie in 33 idiomi.

Russia Today lancia le trasmissioni in francese. E a Parigi scoppia il timore di ingerenze

Altro fronte quello dei 'trolls', profili falsi e automatizzati che sfruttano gli algoritmi dei social network per propagandare con il massimo impatto possibile le fake news.

Potrebbe interessarti

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Germania e Austria bocciano il piano italiano: "Vecchio di 3 anni"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Difesa europea, Macron convoca vertice con 11 Paesi Ue. Ma l'Italia non c'è

I più letti della settimana

  • Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

  • Migranti, Germania e Austria bocciano il piano italiano: "Vecchio di 3 anni"

  • Migranti, Sassoli: “La riforma di Dublino già c'è, i governi Ue si muovano”

  • Difesa europea, Macron convoca vertice con 11 Paesi Ue. Ma l'Italia non c'è

  • Il "patto del cavoletto" tra Pd e M5s spacca il governo. E ora la Lega teme per il 'suo' commissario

  • Migranti, Von der Leyen: "Salvare vite in mare è un dovere, riformare regole di Dublino"

Torna su
EuropaToday è in caricamento