Stretta Ue sulla criminalità organizzata, più facili le confische transfrontaliere

Ci saranno tempi più rapidi e sarà data priorità all’indennizzo delle vittime. La relatrice: “Rafforziamo la giustizia europea”

Tempi più rapidi per il congelamento e la confisca dei beni della criminalità organizzata e priorità all'indennizzo delle vittime. Sono questi i punti principali delle uove regole approvate dal Parlamento europeo e su cui c'è' già un accordo informale con i governi. Secondo uno studio di Europol del 2016, attualmente nell'Ue viene confiscato solo l'1,1% dei profitti criminali. Le nuove misure prevedono l'introduzione di scadenze precise, documenti standardizzati e nuovi diritti per le vittime. Il testo, approvato con 531 voti a favore, 51 contrari e 26 astenuti, afferma che quando uno Stato membro che riceverà un ordine di confisca da un altro Paese Ue disporrà di 45 giorni di tempo per eseguirlo. I provvedimenti di congelamento transfrontalieri devono essere eseguiti con la stessa rapidità e priorità di quelli nazionali. Le autorità avranno quattro giorni di tempo per congelare i beni se la richiesta di confisca e' urgente.

Rafforzata la giustizia europea

“Questo strumento di riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e confisca rafforza la giustizia europea”, ha rivendicato la relatrice per l’Aula, la liberale francese Nathalien Griesbeck, secondo cui il nuovo sistema “e’ più equo per le vittime e consolida la nostra lotta contro il finanziamento del terrorismo”. Quanto ai documenti standardizzati saranno utilizzati certificati e moduli standard per garantire che i paesi Ue agiscano più rapidamente e comunichino in modo più efficiente. Ove richiesto, gli Stati membri potranno confiscare beni ad altre persone legate all'organizzazione criminale in questione e potranno anche agire nei casi in cui non vi sia una condanna, ad esempio se l'indagato e' fuggito.

Prima le vittime

Infine, le vittime saranno le prime a ricevere un risarcimento quando i beni confiscati saranno distribuiti. Il Consiglio Ue dovrebbe approvare formalmente il regolamento nelle prossime settimane. Le nuove norme, che fanno parte di un pacchetto di misure destinate a combattere il finanziamento del terrorismo e la criminalità organizzata, si applicheranno poi 24 mesi dopo la loro pubblicazione in gazzetta ufficiale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento