Per battere il coronavirus anche il premier irlandese Varadkar torna a fare il medico

Nonostante gli impegni di governo ha deciso di coprire un turno a settimana rispondendo in prima persona all'appello lanciato dal servizio sanitario nazionale che si trova a corto di personale

Il premier Varadkar in visita a un laboratorio dove avvengono i test per il coronavirus - foto Ansa EPA/AIDAN CRAWLEY

Per battere il coronavirus c'è bisogno di uno sforzo da parte di tutti, soprattutto di medici e infermieri che sono in prima linea a combattere questa battaglia. E visti i turni massacranti, il numero di contagi anche tra il personale sanitario in aumento, sono tanti i medici in pensione o che hanno lasciato la carriera che sono tornati a vestire il camice in questo momento così complicato. Tra di oro c'è anche il Taoiseach (il premier) irlandese, Leo Varadkar, che ha deciso di tornare a prestare servizio nel servizio sanitario del suo Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ex dottore per sette anni prima di entrare in politica, il leader coprirà un turno a settimana, effettuando valutazioni al telefono dei potenziali pazienti affetti da Covid-19, per fare il primo, e importantissimo, screening iniziale e decidere chi deve essere ammesso in ospedale e chi no. Figlio di un medico e di un'infermiera, Varadkar ha studiato medicina e ha praticato per diversi anni; anche il suo compagno Matthew Barrett lavora nel sistema sanitario, così come due sorelle e i rispettivi mariti. A marzo, ricorda l'Irish Times, il premier si è nuovamente iscritto al registro, che aveva lasciato nel 2013 per entrare in politica, dopo che il Hse ha lanciato un appello ai professionisti non più operanti chiedendo aiuto per aiutare ad affrontare l'emergenza. In meno di tre giorni, circa 50 mila si sono fatti avanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • "Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

Torna su
EuropaToday è in caricamento