"Coronavirus, in Germania scenario all'italiana? Non possiamo escluderlo"

Il direttore del centro epidemiologico tedesco: "Dobbiamo mettere in conto che le capacità delle nostre strutture sanitarie non siano sufficienti". Nel Paese, i contagi hanno superano quota 60mila

Non esclude anche per la Germania "uno scenario italiano" il Robert Koch Institut. Lo ha affermato Lothar Wieler, presidente del centro epidemiologico tedesco, secondo il quale "una situazione come quella che si e' verificata in Italia sono possibili anche in Germania". "Dobbiamo mettere in conto che le capacità delle nostre strutture sanitarie non siano sufficienti", ha detto il capo dell'Rki in un'intervista al domenicale della Frankfurter Allgemeine Zeitung.

"Non possiamo escludere che anche qui ci troveremo ad avere più pazienti che posti con apparecchi di respirazione", ha aggiunto Wieler. Per quello che riguarda il tasso di mortalita' relativamente basso nella Repubblica federale, il presidente del Koch Institut ha sottolineato che non e' il caso di farsi "illusioni": finora dipende molto dal fatto che in Germania sono stati realizzati moltissimi tamponi. Non solo: "Finora in Germania erano colpiti dal virus soprattutto persone che non facevano parte dei gruppi più a rischio, perché molte linee di infezione erano relative, per esempio, alle vacanze invernali. Ma quando si dovessero realizzare più contagi in ospizi per anziani oppure in ospedali allora si dovrà temere che la percentuale cresca", conclude Wieler.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A oggi, sono oltre 60 mila i casi di contagio da coronavirus, secondo l'ultimo conteggio effettuato dalla Zeit online, che aggiorna i dati incrociandoli con quelli forniti dal Robert Koch Institut, quelli della Johns Hopkins University e quelli che arrivano via via dalle strutture sanitarie dei vari Laender. Nella fattispecie, si parla di 60.147 casi di infezione confermati: in pratica, calcola la Zeit, il numero si è raddoppiato in soli 6 giorni. Le vittime sono 481.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • L'alleata tedesca di Salvini: "Italia avida, no aiuti a fondo perduto"

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • Di Maio prova a 'vendere' l'Italia ai tedeschi: "Da noi vacanze sicure, vi daremo report aggiornato"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

Torna su
EuropaToday è in caricamento