"Chi ammaina la bandiera Ue viola la legge, governo la faccia rispettare"

Gli eurodeputati del Pd chiedono l'intervento del ministro degli Interni dopo il caso, non isolato, del presidente del Consiglio regionale abruzzese. Critico anche il Movimento 5 stelle: "Irresponsabile"

I sindaci e gli amministratori locali che stanno ammainando la bandiera europea nelle loro sedi istituzionali violano la legge e pertanto il governo deve farla rispettare. E' quanto chiedono in una nota gli eurodeputati del Pd dopo il caso del presidente del Consiglio regionale dell'Abruzzo, Lorenzo Sospiri di Forza Italia, che ha fatto ammainare il vessilo della sede del Consiglio in polemica con la presunta mancanza di solidarietà da parte dell'Ue nei confronti del nostro Paese a seguito dell'emergenza del coronavirus. 

“Come eurodeputati Pd abbiamo scritto al ministro degli Interni Lamorgese per chiedere di intervenire e far rispettare la legge", dice Brando Benifei, capodelegazione degli eurodeputati dem. “Tra di loro", prosegue Benifei, c’è anche Sospiri, "in merito al quale abbiamo chiesto a Berlusconi e Tajani di dire chiaramente da che parte sta Forza Italia in materia di Europa. Non possono continuare con un atteggiamento ambiguo, professandosi europeisti mentre strizzano l’occhio a Orban e a chi compie gesti del genere”. Secondo Benifei, infatti, “si tratta di gesti gravissimi che non rendono giustizia al nostro impegno in Europa in queste ore drammatiche, orientato a superare resistenze ed egoismi degli Stati membri. Serve serietà e responsabilità da parte di tutte le forze politiche”, conclude. 

Sulla stessa linea il M5s, che ricorda anche il video di Fabio Rampelli, deputato di Fratelli di Italia, "che toglie la bandiera dell'Unione europea per riporla in un cassetto", mentre "si susseguono altri appelli sui social e su whatsapp in cui addirittura si invita a bruciare il vessillo dell'Ue", dice il deputato pentastellato Filippo Scerra. "Siamo di fronte ad un'opposizione irresponsabile che, in una fase di emergenza per il Paese, fa demagogia spicciola e senza alcun senso - prosegue - Mentre qualcuno gioca a bruciare le bandiere, infatti, c'è chi, da vero patriota, si batte a Bruxelles per difendere gli interessi nazionali", conclude. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chi protesta contro l'Ue, pero', non sembra pentito. "Su questa storia della polemica sulla bandiera devo dire che sono stato sin troppo garbato. Non la dovevo ammainare, dovevo proprio ripiegarla e lasciare solo il tricolore, ma diciamo che do speranza all'Europa di ritrovare se stessa e di aiutare i propri popoli a ripartire", ha detto Sospiri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

  • Il Recovery fund non basta, vogliamo il Mes: banche, agricoltori ed edili in pressing sul governo

Torna su
EuropaToday è in caricamento