Copyright, dall'Ue una blacklist dei paesi “pirati”

La Commissione ha presentato un pacchetto di misure volte a proteggere i diritti di proprietà intellettuale. Katainen: “Cosi' si incoraggiano Pmi e start-up a investire in tecnologia”

EPA/MALTE CHRISTIANS

Rendere “l'Europa un leader mondiale, con un sistema di concessione di brevetti propizio alla diffusione dell'Internet delle cose, dagli smartphone alle automobili connesse". Cosi' la commissaria Ue all'Industria, Elzbieta Bienkowska, ha presentato oggi il pacchetto di misure messe a punto da Bruxelles per migliorare la protezione dei diritti di proprietà intellettuale e incoraggiare le imprese europee, in particolare Pmi e start-up, a investire in innovazione e creatività.

Lista nera dei mercati con gravi violazioni del copyright

L'obiettivo primario dell'Ue è sottrarre a chi viola la proprietà intellettuale su scala commerciale i flussi finanziari che rendono lucrative le attività criminose. Per ridurre il volume dei prodotti contraffatti che raggiungono il mercato europeo, la Commissione propone di rafforzare i programmi di cooperazione con i paesi terzi (Cina, Asia sudorientale, America Latina) e di istituire una "watch list" dei mercati che avrebbero partecipato a gravi violazioni dei diritti di proprietà intellettuale o le avrebbero facilitate. Con una serie di orientamenti e raccomandazioni, inoltre, la Commissione intendere promuovere un sistema equo e equilibrato per i brevetti essenziali che coprono norme tecniche globali come il WiFi o la 4G.

Incoraggiare gli investimenti in tecnologia

"La crescita economica e la competitività dell'Europa dipendono in larga misura dagli investimenti dei nostri numerosi imprenditori, dalle start-up alle grandi società, in nuove idee e conoscenze", ha detto il vicepresidente della Commissione, Jryki Katainen: "il pacchetto completo che presentiamo oggi migliora l'applicazione e la tutela dei diritti di proprietà intellettuale e incoraggia gli investimenti in tecnologia e sviluppo di prodotti in Europa", ha aggiunto Katainen. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue la Svizzera non è più un paradiso fiscale

  • "Gli Stati ricchi paghino di più", l'Ue presenta il conto a Germania e Olanda

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Chi sono i 20 giganti che inquinano di più al mondo

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

Torna su
EuropaToday è in caricamento