Aula quasi vuota per Conte a Strasburgo, Verhofstadt: "Burattino di Salvini e Di Maio"

La maggioranza degli eurodeputati ha snobbato l'intervento in Plenaria del presidente del Consiglio italiano invitato a parlare del futuro dell'Europa. Un trattamento simile fu riservato al maltese Muscat ma per Merkel e Macron l'Aula era piena

Foto Mathieu Cugnot © European Union 2019 - Source : EP

L'intervento di Giuseppe Conte è stato accolto a dir poco freddamente a Strasburgo ed il presidente del Consiglio italiano si è trovato a parlare del futuro dell'Europa ad una Plenaria del Parlamento europeo praticamente vuota. Al suo discorso hanno assistito forse un centinaio dei 755 membri della Camera comunitaria in quello che è stato un vero e proprio sgarbo nei confronti del capo del governo italiano. Presenti quasi tutti i 73 italiani ma dalle altre nazioni si sono presentati davvero in pochissimi. Non è certo la prima volta che una personalità del mondo politico parli in un'Aula quasi deserta, i deputati europei nella settimana della Plenaria hanno non poco lavoro da fare tra uffici politici e commissioni, e spesso hanno la cattiva abitudine di non presentarsi al completo quando la persona invitata a parlare in Aula non è ritenuta una, diciamo così, personalità di spicco.

Come il maltese Muscat

Uno sgarbo del genere fu riservato nel luglio del 2017 al premier della piccola Malta, Joseph Muscat, in occasione del suo discorso al termine del semestre di presidenza Ue di La Valletta. Alla vista dell'Aula vuota il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, anche lui presente nell'Emiciclo, andò su tutte le furie e arrivò a definire gli eurodeputati “ridicoli” per questa mancanza di rispetto.

Aula piena per Macron e Merkel

Ben altra accoglienza è stata riservata alla cancelliera Angela Merkel o al presidente francese Emmanuel Macron, nei loro dibattiti sul Futuro dell'Europa a Strasburgo. In entrambi i casi l'Aula del Parlamento europeo si è presentata ad ascoltarli quasi al completo. Per Conte no, non c'è stata la stessa attenzione e la stragrande maggioranza dei deputati ha deciso di snobbarlo. Diversi deputati del Partito Democratico hanno pubblicato foto di banchi tristemente vuoti. Daniele Viotti ha messo su Twitter un video in cui si vede molto chiaramente come il premier stesse parlando davvero a poche decine di persone. “ Mai vista l'aula così vuota quando parla un primo ministro. Mai”, ha scritto.

L'attacco di Verhofstadt

Durissimo è stato l'intervento del leader dei liberali Alde. "Per quanto tempo ancora sarà il burattino mosso da Di Maio e Salvini?", gli ha chiesto polemicamente Guy Verhofstadt. "Io amo l'Italia ma oggi mi fa male vedere la degenerazione politica di questo paese, iniziata 20 anni fa con Berlusconi e peggiorata con questo governo", ha affermato il belga aggiungendo che l'Italia "è diventata il fanalino di coda dell'Europa. Un governo odioso verso gli altri Stati membri, con Di Maio e Salvini veri capi".

Conte: "Burattino è chi si piega alle lobby"

"Forse i burattini sono quelli che rispondono a lobby, gruppi di potere e comitati di affare", ha risposto il premier riferendosi a Verhofstadt. "Un capogruppo ha dato del burattino a chi rappresenta il popolo italiano: io non lo sono e non mi sento tale. Sono orgoglioso di interpretare la voglia di cambiamento del popolo italiano e di sintetizzare la linea politica di un governo che non si piega alle lobby", ha dichiarato Conte.

La replica di Salvini: "Vergognoso"

"Che alcuni burocrati europei, complici del disastro di questi anni, si permettano di insultare il presidente del Consiglio, il governo ed il popolo italiano è davvero vergognoso”, è stata invece la replica del vicepremier Salvini. “Le élite europee contro le scelte dei popoli. Preparate gli scatoloni, il 26 maggio i cittadini finalmente manderanno a casa questa gente", ha concluso il leader della Lega.

lll

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Se io dovessi vedere Verhofstadt per strada, gli sputerei in faccia. Ma come si permette,questo manichino delle lobby, di dire queste cose a un governo che rappresenta la maggior parte degli italiani? Pagliaccio.

    • la tua sensibilità è commovente. e sputi pure. come i cafoni nel far west

  • L'UE è alla frutta! Siamo al di fuori delle regole del vivere civile, basato sulla tolleranza e la buona educazione, il rispetto degli altri, di chi la pensa diversamente. Invece siamo alla divisione tra Padroni (Benelux-Francia-Germania e Paesi Baltici) e Servi (tutti gli altri). Tra i servi c'è chi gode ma solo perché è all'opposizione nel suo Paese.

  • È normale che chi guarda un fenomeno dall’esterno, senza avere un diretto coinvolgimento, abbia una visione più corrispondente alla realtà di chi la guarda dall’interno ed è fuorviato dalle sue convinzioni ideologiche. L’analisi fatta a Strasburgo potrà anche sembrare implacabile e irriverente ma, di fatto, è l’analisi condivisa da praticamente tutti gli osservatori esterni il che dovrebbe farci ben riflettere e non trincerarsi dietro a barricate inutili.

  • Come si permettono di dire a Conte burattino, ma di chi? I veri BURATTINI SONO LORO, i burattini dei poteri forti che per accontentarli stanno affossando i popoli

    • La verità fa male

  • Che pena i 5stelleghisti! Non si rendono neanche conto che figura di m*** fanno fuori dall'Italia dove la gente ha ancora un cervello che usa per pensare!

    • La gente che ha un cervello si e' resa conto che, da Monti in poi, i governi si sono sempre appecorati ai padroni che questo pagliaccio arrogante di Verhofstadt rappresenta, e , il 4 marzo, hanno votato di conseguenza. E' la democrazia, caro, una cosa che voi piddini non accettate se, chi ha preso il potere non vi va a genio. E cosi',chi ha votato M5S o Lega, diventa ignorante, razzista,omofobo o analfabeta funzionale, solo perché non la pensa come voi.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Lega e M5s: alleati in Italia, (quasi) avversari in Europa 

  • Attualità

    Moldavia, Martusciello in campo per il candidato condannato per una frode da 300 milioni

  • Attualità

    “La Germania paga le pensioni ai collaboratori nazisti”, l'imbarazzo di Berlino

  • Ambiente

    La giovane Greta striglia l'Ue: "I vostri impegni sul clima non bastano"

I più letti della settimana

  • Munizioni difettose e aerei che non volano, l’esercito tedesco dimenticato da Berlino

  • Basta eccessi di velocità, l'Ue vuole l'auto che rallenta da sola. Entro il 2022

  • Disneyland Parigi avrà il suo Gay Pride: arriva il Magical Pride

  • Altro che Francia o Germania, la Commissione Ue è soprattutto a guida italo-belga

  • La giovane Greta striglia l'Ue: "I vostri impegni sul clima non bastano"

  • Migranti irregolari arrivati nell’Ue grazie alla Coppa del mondo in Russia

Torna su
EuropaToday è in caricamento