Il nuovo commissario Ue alla Giustizia indagato per corruzione e riciclaggio

Ennesima grana per von der Leyen: anche il Guardasigilli europeo in pectore rischia grosso, dopo che un ex-agente della sicurezza l’ha accusato di aver intascato tangenti per la costruzione dell’ambasciata belga di Kinshasa

Didier Reynders - foto Commissione europea

La procura di Bruxelles conferma che il ministro degli Esteri e vicepremier belga, Didier Reynders, nominato meno di una settimana fa commissario europeo alla Giustizia, è sotto indagine per corruzione e riciclaggio di denaro sporco. L’inchiesta è partita, secondo quanto scrive il giornale De Tijd, dalle rivelazioni un ex-agente dell’intelligence belga che si sarebbe presentato alla polizia federale con una serie di accuse a carico del commissario in pectore alla Giustizia e di un suo collaboratore. Il caso Reynders - oltre a colpire un esponente di spicco del Movimento Riformatore, formazione politica del centrodestra belga - diventa ennesimo motivo d’imbarazzo per la nascitura Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen, anche lei sotto indagine per spreco di denaro pubblico

Le tangenti

Nicolas Ullens de Schooten, questo è il nome dell’ex-agente di sicurezza che punta il dito contro Reynders, lo scorso 2 aprile si sarebbe presentato al comando generale della polizia di Bruxelles per denunciare una serie di illeciti dei quali era venuto a conoscenza quando lavorava alla divisione economica del servizio di sicurezza del Belgio. Dal suo interrogatorio emergono accuse su un giro di tangenti legate alla costruzione dell’ambasciata belga di Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo (ex colonia del Belgio). Secondo l’ex-007 belga le mazzette sarebbero state pagate da trafficanti d’armi e da un politico locale. L’accusatore avrebbe fornito elementi sui nomi degli intermediari e delle società coinvolte.

Il riciclaggio

La stampa belga riferisce anche i metodi utilizzati nel presunto riciclaggio del denaro sporco proveniente dall’ex-colonia del Belgio. Viene tirato in ballo un antiquario che, secondo le accuse, avrebbe stretto forti legami con Reynders aiutandolo a commerciare oggetti di valore per “riciclare piccole somme di denaro”. Stando alla ricostruzione dell'ex-agente, il grosso dei soldi sporchi sarebbe stato invece “ripulito” da un terzo soggetto che avrebbe concluso operazioni di compravendita immobiliare e transazioni di danaro verso paradisi fiscali. Nel fascicolo in mano agli inquirenti ci sarebbe anche il nome di un cittadino olandese che avrebbe agevolato gli spostamenti di liquidità offshore. 

Le reazioni

Su richiesta dei giornalisti belgi, la procura di Bruxelles ha confermato che “è in corso un’indagine”, ma che è ancora ferma alle battute iniziali. Incalzato dai cronisti, Reynders afferma: “Non sono assolutamente a conoscenza dell’indagine”. Assicura quindi di aver chiesto al suo legale di mettersi in contatto con gli inquirenti per difendere i suoi diritti e negare ogni accusa. Il portavoce del politico belga ipotizza invece che si tratti di “una montatura di un uomo malvagio che cerca in continuazione di danneggiarci”. Per il momento, non vengono riportate reazioni da parte dell’accusatore. 

Tre decenni in politica

Didier Reynders, in politica dal 1992, è stato vicepremier e ministro delle Finanze negli esecutivi guidati da Guy Verhofstadt ed Herman Van Rompuy. Successivamente è passato al dicastero degli Affari esteri nei governi di Elio Di Rupo prima e di Charles Michel poi. Attualmente svolge anche le funzioni di ministro della Difesa, in attesa che il Parlamento europeo dia il via libera definitivo al suo nuovo incarico come commissario europeo alla Giustizia.

Nel 2015 è stato accusato di razzismo per aver sfilato con la faccia dipinta di nero per le strade di Bruxelles, nel corso di un evento folkloristico. Dopo aver pubblicato le foto sul suo stesso blog, ha chiarito di essersi mascherato per raccogliere fondi per aiutare i bambini in difficoltà. Le foto non sono più visibili sul sito web personale del commissario in pectore alla Giustizia, anche se rimangono disponibili nell’archivio “storico” di internet.

I problemi della Commissione von der Leyen

Altri commissari nominati dalla von der Leyen, tra cui il polacco Janusz Wojciechowski e la francese Sylvie Goulard, risultano sotto indagine delle autorità con accuse di vario tipo. La neopresidente della Commissione finora ha risposto in maniera esaustiva alle sole critiche di carattere politico e programmatico, limitandosi a brevi dichiarazioni di fiducia nei confronti dei commissari designati “innocenti fino a prova contraria”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • No all'Albania nell'Ue, il Kosovo striglia l’Europa: “Non cedete a paura del populismo”

  • Pensioni a 69 anni e recessione, le previsioni economiche in Germania fanno paura

  • Il crimine non ha genere: ecco le 21 donne più ricercate d'Europa

  • Il deficit del duo Di Maio-Salvini? Più basso di quello del governo Gentiloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento