Case fredde e bollette bollenti: in Italia una famiglia su sette non riesce a riscaldare casa. E i morti aumentano

I dati dell'Osservatorio europeo sulla povertà energetica inchiodano il Belpaese: il 14,6 delle famiglie non ha un riscaldamento adeguato. E i morti in inverno sono il 14% in più della media annuale. Una delle cause il peso delle bollette, siamo tra i paesi Ue con il gas ed elettricità più cari

LUCA ZENNARO/ANSA/TO

Scaldare la casa in inverno? Un'impresa per il 14,6% delle famiglie italiane, incapaci di mantenere la propria casa riscaldata in maniera adeguata. E la povertà energetica si paga in termini di vite umane. I mesi invernali fanno infatti registrare in Italia un'impennata nella percentuale dei decessi: un più 14% rispetto alla media annuale, uno dei peggiori risultati in Europa. A presentare i dati è l'Osservatorio Ue sulla povertà energetica, un'iniziativa lanciata da Bruxelles per raccogliere e comparare i dati in tutti gli Stati membri sui differenti aspetti dell'accesso all'energia. 

E i dati inchiodano l'Italia. Il Belpaese, pur non essendo maglia nera in nessuna categoria, si piazza in fondo a quasi tutte le classifiche, esclusa quella poco lusinghiera dell'aumento dei decessi in inverno, in cui siamo in settima posizione. 

Case fredde e bollette bollenti

Se le case sono fredde è anche perché le bollette sono bollenti: a spiegare una parte del problema concorrono, infatti, i prezzi dell'energia. Insieme all'Irlanda, abbiamo la terza elettricità più cara della Ue, dietro a Danimarca e Germania, mentre sul gas andiamo sempre in terza posizione, questa volta a braccetto con la Spagna e dietro a Svezia e Portogallo. Non un caso, forse, che ben il 9,1% delle famiglie italiane abbiano avuto problemi negli ultimi mesi a pagare le bollette dell'energia.

L'Italia è inoltre tra i Paesi con la più alta percentuale di abitazioni umide, con perdite e riparazioni da fare a tetti e infissi (23%, sesta su 28). 

Commissione Ue: "Povertà energetica nel 2018 è inaccettabile"

"La povertà energetica è una questione che riguarda tutti i nostri Stati membri, anche quelli più grandi e che stanno meglio e tutto ciò, ancora nel 2018, è un problema inaccettabile, che riduce l'inclusione sociale e aumenta i problemi di salute", il commento del vicepresidente della Commissione Ue all'unione dell'energia Maros Sefcovic snocciolando i dati dell'Osservatorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Osservatorio ha come obiettivo non solo quello di raccogliere i dati, renderli comparabili e metterli a disposizione dei decisori politici, ma anche di fungere da piattaforma per governi, regioni ed enti locali per condividere le loro esperienze e lavorare a soluzioni condivise.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • L'alleata tedesca di Salvini: "Italia avida, no aiuti a fondo perduto"

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • Di Maio prova a 'vendere' l'Italia ai tedeschi: "Da noi vacanze sicure, vi daremo report aggiornato"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

Torna su
EuropaToday è in caricamento