Bruxelles 'islamizzata', più di metà degli studenti sceglie la religione musulmana

Il dato riferito a scuole primarie e secondarie: “La città è stata toccata in modo più forte del resto del Paese sia dalla secolarizzazione che dall'immigrazione”

Foto Ansa

Bruxelles, la capitale del Belgio e dell'Europa, è una città sempre più islamica. Nelle sue scuole primarie e secondarie adesso oltre il 50% degli studenti sceglie invece dell'ora di religione cattolica quella musulmana. Lo rivelano i dati pubblicati dall'Osservatorio delle Religioni e della Laicità per l'anno scolastico 2018-2019 secondo cui la percentuale di allievi delle scuole primarie per i quali i genitori hanno scelto l'ora di religione cattolica nel 2018 è stata di appena il 15,6% nella regione di Bruxelles, in netto calo rispetto al 18,4% del 2015 e a un livello molto più basso del 34,8% registrato nella Comunità francofona, di cui fa parte la Vallonia, la parte sud del Paese. La prevalenza dell'ora di religione islamica è confermata nel circuito di insegnamento fiammingo di Bruxelles - gestito dalla comunità fiamminga - con il 60,3% degli allievi contro il 17,3% per quella cattolica, il 3,9% per quella protestante, lo 0,7% per quella ortodossa e il 17,5% per l'ora di "morale".

Secolarizzazione e immigrazione

"La regione brussellese è stata toccata in modo più forte del resto del paese sia dalla secolarizzazione, che ha allontanato la popolazione dalla tradizione cattolica della Chiesa, sia dall'immigrazione, che ha fortemente diversificato le religioni presenti nella capitale", ha spiegato Caroline Sagesser ricercatrice dell'Osservatorio delle Religioni e della Laicità in un articolo sul sito dell'associazione. Secondo Sagesser, "l'aggettivo minoritario non è più adeguato" per il corso di religione islamica dato che viene scelto da "una maggioranza degli allievi" delle scuole francofone di Bruxelles.

Le percentuali

La percentuale di allievi che ha scelto l'ora di religione islamica nelle scuole primarie è in aumento a Bruxelles, con il 51,4% nel 2018 contro il 48,4% nel 2015. Il corso di "morale", quello alternativo all'ora di religione, è seguito dal 12,8% degli allievi delle primarie nel 2018 contro il 20,5% del 2015. Nella classifica per l'anno scolastico in corso, il 4,3% ha scelto l'ora di religione protestante, il 4,3% quella ortodossa e lo 0,2% quella ebraica. Gli allievi che invece hanno scelto una seconda ora settimanale di "Educazione alla filosofia e alla cittadinanza" - sempre alternativa all'ora di religione - sono stati l'11,5%. Percentuali simili si registrano per il 2018 anche per gli allievi delle scuole secondarie, con il 51% che ha scelto l'ora di religione islamica, l'11,1% quella cattolica, il 3,8% quella ortodossa, il 3,1% quella protestante, lo 0,2% quella israelita e il 19,1% l'ora di "morale". Nelle scuole secondarie di Bruxelles, l'11,6% degli allievi hanno invece scelto la seconda ora di "Educazione alla filosofia e alla cittadinanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lega fuori dai giochi in Europa, Salvini: “Cordone sanitario sovietico contro di noi”

  • In Germania Afd come la Lega contro il Mes: non vogliamo pagare per gli italiani

  • Bce, la Germania torna ad attaccare Draghi: "Nuovo bazooka non era necessario"

  • Eurogruppo: "Mes? Non serve riaprire riforma". Salvini: "Da Conte ennesima bugia"

  • Truffe e donazioni, alleati Ue della Lega e tesoriere Id nei guai con la giustizia

  • Gentiloni: “Cantare Bella Ciao per me è un onore”, Corrao (M5s): “Sei tu l’invasore”

Torna su
EuropaToday è in caricamento