Brexit, May: “No a nuovo referendum, tradiremmo cittadini”

Crescono le pressioni politiche e della società civile per una nuova consultazione. Mentre al Parlamento l'opposizione interna chiede un voto sull'accordo con l'Ue prima di Natale. Con l'obiettivo di bocciarlo

Dopo il difficile vertice di Bruxelles, con tanto di battibecco in diretta tv con il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, la premier britannica Theresa May torna ad affrontare il Parlamento. Con un messaggio chiaro, almeno stando alle anticipazioni della Bbc: il Regno Unito non indirà un nuovo referendum sulla Brexit, perché così "tradiremmo i cittadini britannici".

Il messaggio dovrebbe essere consegnato alla Camera dei Comuni, dove aumentano le pressioni di chi vuole un voto prima di Natale sull'accordo sottoscritto con Bruxelles. E che il summit della scorsa settimana non ha modificato, nonostante le polemiche sulla parte riguardante il confine tra Irlanda e Irlanda del Nord. 

Il rischio di un voto negativo al testo è ancora dietro l'angolo. E c'è chi chiede di ridare voce ai cittadini. Gli ex primi ministri John Major e Tony Blair sono tra coloro che chiedono una nuova consultazione, se il Parlamento non riuscirà a trovare un modo per procedere. Ma secondo May, un nuovo voto "farebbe danni irreparabili all'integrità della nostra vita politica" e "non ci porterebbe a nulla". 
La scorsa settimana, la premier ha annullato un voto ai Comuni sull'accordo da lei raggiunto con la Ue, di fronte alla certezza della sua bocciatura. Ma per Blair, che ha detto di ammirare la determinazione di May nel voler far passare l'accordo, dopo 30 mesi di negoziati, con il governo "nel caos", ridare la parola al popolo sarebbe "logico" se tutte le altre opzioni falliranno. Di parere opposto la leader conservatrice, per la quale un nuovo referendum "dividerebbe ulteriormente il Paese, nel momento in cui dovremmo lavorare per unirlo".

A dare manforte alla posizione di May, anche le divergenze di opinioni  interne ai laburisti, con Jeremy Corbyn da sempre contrario a una nuova consultazione referendaria. Anche per questo, nei giorni scorsi, alcuni attivisti hanno organizzato una campagna per convincere il loro leader a cambiare idea. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Basta spagnolo, parlo italiano”: la protesta del deputato catalano a Strasburgo

  • Edilizia, ultimatum Ue all’Italia: “Due mesi per cambiare valutazioni d’impatto ambientale”

  • Video hot in rete, candidato di Macron a sindaco di Parigi si ritira dalla corsa

  • Altra grana per Google: “Favorisce il suo servizio di vacanze”

  • Salvini: "Non voglio uscire dall'Euro". E apre a una nuova forza di destra in Ue

  • Economia italiana al palo, Ue "salva" solo il reddito di cittadinanza

Torna su
EuropaToday è in caricamento