Brexit, May propone status speciale per l'Irlanda del Nord. Ue: “Più vicini a un accordo”

Secondo le indiscrezioni, Belfast sarebbe allineata alla regolamentazione del mercato unico e dell'unione doganale che si applica a Dublino. In questo modo, si supererebbe il ritorno di un “hard border” nell'isola irlandese. Tusk: “Ci avviciniamo a un progresso sufficiente per il Vertice Ue di dicembre”

© European Union , 2017 / Source: EC - Audiovisual Service

La premier britannica Theresa May sarebbe pronta a concedere all'Irlanda del Nord uno status speciale che permetterebbe di evitare il ritorno di un “hard border” con l'Irlanda. E' quanto si apprende da fonti comunitarie: si tratterebbe di uno status di "allineamento" con la regolamentazione del mercato unico e dell'unione doganale che si applica a Dublino come Stato membro dell'Ue. 

Il compromesso "non è chiuso al 100%", sempre secondo le fonti citate dall'Agi. Ma una conferma indiretta del passo avanti arriva dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, che dopo aver sentito telefonicamente il premier irlandese Leo Varadkar, ha scritto su Twitter: “Lasciatemi dire che mi piacciono i lunedì! Incoraggiato dopo la mia telefonata con il premier irlandese Leo Varadkar sull'avanzamento della questione Brexit in Irlanda. Ci avviciniamo a un progresso sufficiente per il Vertice Ue di dicembre”.

La notizia arriva nel giorno in cui la premier May è a Bruxelles per un pranzo di lavoro con il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. La risoluzione della questione irlandese è uno dei nodi più difficili da sciogliere per chiudere la prima fase di negoziati sulla Brexit e avviare il secondo step, quello in cui si dovranno stabilire le nuove relazioni tra il Regno Unito e l'Ue. Un passaggio che Theresa May vorrebbe realizzare già in occasione del vertice Ue della prossima settimana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli altri nodi sono il “conto” del divorzio (che si aggira tra i 45 e i 55 miliardi di euro) e i diritti dei cittadini Ue nel Regno Unito. Riuscire a trovare la quadra non sarà facile, anche perché sul “conto” ci sono già i maldipancia dei sostenitori della Brexit (compresi quelli del partito conservatore di cui fa parte la premier), mentre sul confine irlandese si rischia una ribellione dei deputati del Partito unionista democratico (Dup), da cui dipende la maggioranza del governo May alla Camera dei Comuni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

  • I Paesi Ue litigano sui turisti: no regole comuni, sì ai corridoi bilaterali

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

Torna su
EuropaToday è in caricamento