"Noi italiani pro-Ue a Londra aggrediti da gilet gialli pro-Brexit"

La denuncia degli attivisti di Più Europa, che avevano promosso una raccolta firme per chiedere agli Stati dell'Unione un maggiore impegno verso l'accoglienza dei migranti: "Hanno stracciato volantini e insultato i nostri volontari"

Un momento della contestazione a Londra da parte dei gilet gialli al banchetto di Più Europa / Facebook

Raccoglievano firme a Londra per l'iniziativa civica "Welcoming Europe - l'Europa che accoglie", volta a chiedere alla Commissione europea un maggiore impegno a favore dell'accoglienza dei migranti. Ma quando un gruppo di Brexiter con tanto di gilet gialli è passato vicino al banchetto, è partita la contestazione. Che per i promotori italiani Claudio Radaelli, Virginia Fiume e Mario Pietrunti di Più Europa, sarebbe stata una vera e propria aggressione. Per fortuna, conclusasi con un chiarimento.

"Abbiamo raccolto firme di finlandesi, italiani, lituani, polacchi, olandesi e spagnoli. E molte di inglesi, ricordando/ci insieme a loro che a oggi siamo tutti cittadini europei, e quindi anche gli inglesi possono esercitare il diritto previsto dalle iniziative di legge dei cittadini europei", scrivono su Facebook i tre attivisti. "La bella iniziativa londinese è stata bruscamente interrotta da un nutrito corteo di sostenitori della Brexit, che hanno stracciato volantini e insultato i nostri volontari al tavolo di raccolta firme. Dopo gli insulti sono arrivati comunque momenti di dialogo, perfino qualche abbraccio", raccontano.

"L'incidente è rivelatore di quanto le politiche urlate e la violenza verbale da parte dei politici nazionalisti fomentino rabbia in alcune persone che si sentono lasciate indietro. La risposta non sta certo nel sovranismo, ma nella condivisione delle scelte a livello europeo - scrivono ancora - Oggi, con la nostra raccolta firme ci sentiamo più che mai vicini non solo ai migranti che vengono usati come arma di ricatto per politiche sovraniste, ma anche a tutti i cittadini inglesi, che rischiano di trovarsi con meno diritti, in un Paese più debole e isolato fuori dall'Unione europea".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Sarebbe bene che si attivassero anche per i milioni di cittadini italiani che non riescono ad arrivare al 15 del mese, spennati come polli dallo Stato, in tutte le sue articolazioni e dalle multinazionali dell'eneregia e dei servizi, che ci fanno pagare le bollette più salate d'Europa.

  • Ma starvene a casa vostra,no?

  • Hanno fatto bene.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Attualità

    Elezioni, il Regno Unito non cambia gli equilibri: nel prossimo Parlamento necessarie larghe intese

  • Attualità

    Basta annunci ingannevoli, Strasburgo vota le nuove norme sugli acquisti online

  • Attualità

    Un 'sovranista' Juncker dà l'addio a Strasburgo: l'Europa non si realizza senza nazioni

I più letti della settimana

  • Produzione industriale, l'Italia traina la crescita dell'Eurozona. Bloomberg: “Effetto tiramisù”

  • “I dipendenti di Amazon costretti a lavorare nonostante infortuni”

  • Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Velocità assistita e “scatola nera”, ecco i 30 nuovi salvavita obbligatori per i veicoli

  • "Salvini è stato il deputato Ue più influente degli ultimi anni"

  • Greta: Mondo in fiamme come Notre-Dame, ma non ha fondamenta così solide

Torna su
EuropaToday è in caricamento