Un euro al giorno per prendere tutti i mezzi pubblici, a Berlino pronta la rivoluzione del trasporto

Il piano del sindaco socialdemocratico Müller per ridurre l'utilizzo di auto in città

Con un solo euro al giorno si potranno prendere tutti i mezzi pubblici: metro, tram, bus e addirittura la rete fluviale. Berlino si prepara a mettere in atto una rivoluzione dei trasporti che porterà a dimezzare il costo dell'abbonamento annuale che passerà dalle cifre attuali che vanno dai dagli 728 ai 761 euro ai futuri 365 euro. L'intervento è stato voluto dal sindaco della Spd Michael Müller e costerà circa 100 milioni di mancati incassi per la Bvg l’azienda pubblica dei trasporti, di cui la metà saranno coperti dal Comune.

L'esempio di Vienna

La capitale tedesca si ispira e seguirà l'esempio di quella austriaca che ha già da tempo messo in atto lo stesso provvedimento. A Vienna 822mila persone, quasi la metà della popolazione della città, hanno un biglietto annuale e la percentuale di viaggi effettuati in metropolitana, tram o autobus da quando nel 2012 il prezzo è stato abbassato all'equivalente di un euro al giorno, è aumentata al 38%, rispetto al 27% a Berlino, al 23% di Monaco e al 18% di Amburgo. Nel caso di Vienna, l'azienda dei trasporti, la Wiener Linien, riceve 700 milioni di euro in sussidi dalla città e dal governo nazionale ogni anno. Due misure hanno poi contribuito a sostenere i costi: l'innalzamento delle tariffe per il parcheggio aumentate del 60% dal 2012; e una "tassa metropolitana" per i datori di lavoro, che ammonta a circa 2 euro al mese per ciascun dipendente.

Ampliare le infrastrutture

“In questo momento si spalanca una finestra di straordinaria opportunità nel budget del Land in cui è finalmente possibile considerare il progetto del nuovo abbonamento. Dobbiamo essere pronti a cogliere al volo questa possibilità”, ha affermato Müller che ha anche promesso un investimento di 28 milioni di euro per l'espansione e il miglioramento del sistema di trasporto pubblico della capitale.

Potrebbe interessarti

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Provoca terremoti", chiude il più grande giacimento di gas naturale d'Europa

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

I più letti della settimana

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Provoca terremoti", chiude il più grande giacimento di gas naturale d'Europa

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

  • "Il reddito di cittadinanza anche a noi", in Belgio favorevoli 6 su 10

  • Crisi governo, Bruxelles 'promuove' Conte: "Ha fatto bene in contesto problematico"

Torna su
EuropaToday è in caricamento