Altro che calo: i richiedenti asilo nell’Ue aumentano. E anche le morti in mare 

Pesano i nuovi arrivi da Venezuela, Colombia e Balcani occidentali. Ma preoccupa anche quello che sta accadendo nel Mediterraneo. Tra Libia e Italia

Oltre 200mila persone hanno presentato per la prima volta una domanda di asilo in uno dei 28 Stati membri dell’Ue nei primi 4 mesi del 2019. Si tratta di un aumento netto rispetto all’anno passato: +15%. E nello stesso periodo è cresciuta la quota di migranti morti nell’attraversamento del Mediterraneo, quasi 1 ogni 6 imbarcati. E’ quanto emerge da un’inchiesta condotta dal gruppo editoriale tedesco Funke e dai dati raccolti dall’Onu sugli incidenti lunga la rotta tra il Nord Africa e l’Italia.

I nuovi rifugiati

Sul fronte dei richiedenti asilo, a pesare sono state le tensioni soprattutto nell’America Latina e nell’Est Europa: l’aumento delle domande, infatti, è legato ai nuovi arrivi da Venezuela, Colombia e Balcani occidentali, “i cui cittadini non hanno bisogno di un visto per recarsi nell'Ue”, scrive Politico.

I dati di Funke trovano conferma indiretta in quelli dell'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (Easo), che a marzo aveva già segnalato un aumento delle richieste del 20% rispetto al 2018. La crescita maggiore, come dicevamo, riguarda colombiani (+156%) e venezuelani (+121%). Quest’ultimi, in termini assoluti, sono al secondo posto dopo i siriani. In aumento anche i potenziali rifugiati provenienti dall'Afghanistan (+36%).

"L'Ue rimane sotto pressione e rimarrà tale per i prossimi decenni", ha affermato Fabrice Leggeri, direttore di Frontex, l’Agenzia europea per il controllo delle frontiere. “L'Ue e i suoi Stati membri – ha aggiunto - devono collaborare in modo più stretto con i Paesi di origine per rendere la vita più vivibile in quei luoghi. La politica non dovrebbe limitarsi alla protezione delle frontiere”. 

Le morti in mare

I dati su migranti e richiedenti asilo potrebbero essere ancora più preoccupanti nei prossimi mesi, quando con l’arrivo dell’estate si dovrebbe intensificare l’azione degli scafisti. A tal proposito, l’Onu ha lanciato l’allarme sui rischi di nuove stragi nel Mediterraneo, anche a causa della mancanza di navi di soccorso (sia delle ong, sia della stessa Ue) e dell’intensificarsi della crisi libica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l’Unhcr, l’agenzia della Nazioni Unite per i rifugiati, e dell’Oim, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni, dall’inizio dell’anno a fine aprile sono state 1.940 le persone che hanno raggiunto l'Italia dal Nord Africa. Quasi 350 di queste sono morte durante il percorso: il tasso di mortalità per chi attraversa è oltre il 15%. Un tasso più alto di quello registrato durante la crisi migratoria del 2015. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • La Svezia lancia una commissione d'inchiesta sulla strategia dell'immunità di gregge

  • "La Cina sterilizza gli uiguri", Ue chiede a Pechino di far luce sulle accuse

Torna su
EuropaToday è in caricamento