Test alcolico pre-guida e sistema anti-distrazione: ecco i nuovi salva-vita obbligatori per le auto

Il Parlamento europeo ha approvato il testo che introduce una serie di dispositivi che dovranno essere integrati nei veicoli. Tra questi anche la “scatola nera” degli incidenti e l’adattamento intelligente della velocità. Adesso l’ultima parola agli Stati membri 

L'alcolock in una immagine tratta da Etsc.eu

In Europa, ogni milione di abitanti, 49 muoiono a causa di incidenti stradali. In Italia, la media è più alta: 56. Rispetto al resto del mondo, le strade europee sono le più sicure, ma il numero di vittime resta ancora alto. Ecco perché l’Unione europea ha deciso di puntare sulla tecnologia per aumentare la sicurezza delle auto. Con una serie di dispositivi che diventeranno presto obbligatori.

Il primo ok è arrivato da Strasburgo, dove il Parlamento europeo ha dato il via libera al pacchetto di dispositivi di sicurezza di ultima generazione. Si va dal test alcolico pre-guida, ossia un dispositivo in cui si deve soffiare per sbloccare il motore, alla “scatola nera” degli incidenti. Ma vediamo nel dettaglio i nuovi sistemi.

I nuovi sistemi obbligatori

Tra i dispositivi obbligatori ci sarà il sistema di adattamento intelligente della velocità, che notifica al guidatore se si sta superando il limite di velocità attraverso la vibrazione del pedale dell’acceleratore. Il sistema di rilevazione dell'affaticamento del conducente e le tecnologie anti-distrazione alla guida, che verificano se c’è un calo di attenzione da parte del guidatore, saranno anch’esse di serie. Così come le luci di stop adattive per le frenate d'emergenza, che indicano ai veicoli che seguono se quello che li precede ha dovuto frenare d’improvviso attraverso il lampeggiamento delle luci di stop, e la telecamera posteriore, il dispositivo che tramite monitor o videocamera rileva la presenza di persone e oggetti durante la retromarcia evitando la collisione.

Saranno inoltre obbligatori i sistemi per il monitoraggio della pressione degli pneumatici, che stimano i livelli di pressione delle ruote e avvertono il guidatore in caso di anomalie. Inltre, ci sono i già citati dispositivi alcolock, che evitano la guida in stato di ebbrezza poiché il guidatore sarà tenuto a soffiare nel dispositivo alcolock prima di poter avviare il motore, e il registratore di dati sugli incidenti, che registra i dati rilevanti prima, durante e dopo un incidente stradale.

Per le autovetture e i veicoli commerciali leggeri sarà obbligatorio avere anche il sistema di frenata automatica di emergenza e i sistemi di avviso di deviazione dalla corsia di marcia (entrambi già obbligatori per gli autocarri). I veicoli commerciali pesanti e gli autobus dovranno invece essere dotati di dispositivi per l'ampliamento della visione diretta del conducente, così che questi possa vedere gli utenti vulnerabili della strada stando seduto sul sediolino e senza dover usare specchietti o videocamere, e di sistemi di segnalazione, che rilevano la presenza di ciclisti e pedoni nelle immediate vicinanze del veicolo.

“I dispositivi obbligatori di sicurezza aiuterebbero gli autisti ad abituarsi alle tecnologie automatiche nei veicoli, facilitando così la transizione verso le auto senza conducente”, si legge in una nota del Parlamento europeo. Adesso, la parola passa agli Stati membri, che dovranno ratificare il testo per rendere effettive le misure. 
 

Potrebbe interessarti

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • “Alcoltest nei porti per bloccare camionisti e conducenti in stato d’ebbrezza”

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

I più letti della settimana

  • Crociere da record, 7 milioni passeggeri nell'Ue: Italia prima destinazione

  • "Portate la Tav anche al Sud", l'appello di Al Bano a Bruxelles

  • Sciopero Ryanair a fine agosto, ecco perché i piloti minacciano lo stop di 48 ore

  • Alta velocità Napoli-Bari, oltre 100 milioni dalla Commissione Ue

  • "Il reddito di cittadinanza anche a noi", in Belgio favorevoli 6 su 10

  • Condannato per abuso di potere, promosso a ministro degli Interni

Torna su
EuropaToday è in caricamento