Il Beppe Grillo ucraino trionfa ancora, il suo partito conquista il Parlamento

La formazione Servo del popolo del presidente Volodymyr Zelensky verso la maggioranza assoluta. Il comico diventato politico ora potrà governare senza alleanze

Volodymyr Zelensky - foto Ansa EPA/TATYANA ZENKOVICH

Un altro successo per Volodymyr Zelensky. Dopo aver vinto le presidenziali lo scorso aprile, battendo il presidente uscente, Petro Poroshenko, il Beppe Grillo ucraino è riuscito anche a conquistare il Parlamento del Paese. Nelle elezioni anticipate, che lui stesso ha convocato, il suo partito "Servo del popolo" ha ottenuto secondo le prime proiezioni oltre il 42% dei consensi e dovrebbe aggiudicarsi almeno 240 dei 424 seggi della Verkhovna Rada, potendo quindi di formare un governo monocolore. Pur non avendo la maggioranza assoluta in senso proporzionale a fare la differenza in positivo sarebbe l'esito delle votazioni nei collegi uninominali, dove i rappresentanti del partito si aggiudicherebbero un numero record di seggi, pari a 106.

Le altre formazioni in Parlamento

In base ai risultati, sono cinque i partiti che avrebbero superato la soglia di sbarramento del 5%. Dopo Servo del Popolo c'è l'alleanza filorussa Piattaforma dell'opposizione-Per la vita con il 13%. Il suo leader Viktor Medvedchuk, è stato pubblicamente lodato alla vigilia del voto dal presidente russo Vladimir Putin. Seguono, rispettivamente al terzo e al quarto posto, i partiti dell'ex presidente Petro Poroshenko e dell'ex premier Yulia Tymoshenko. Al quinto posto entra per un soffio il partito Voce dell'ex rockstar Svyatoslav Vakarchuk.

La voglia di anti-politica

Zelensky, pur non avendo alcuna esperienza politica, ha acquistato una grande popolarità nel Paese grazie alla sua interpretazione del ruolo del professore Vasyl Petrovych Holoborodko, protagonista della serie "Servo del Popolo", critico veemente della corruzione che grazie al web viene catapultato alla guida del Paese. Ora lui alla guida del Paese ci è finito davvero, per volontà di una popolazione stanca delle promesse mancate dei professionisti della politica.

Parlamentari inesperti

Ma come gestirà questo potere resta ancora un'incognita anche perché ad affiancare il presidente saranno dei parlamentari altrettanto "inesperti": circa il 60 per cento dei deputati che entreranno nella Verkhovna Rada in questa legislatura siederanno sugli scranni dell'assemblea nazionale per la prima volta. Molti di loro hanno avuto in precedenza incarichi solo come funzionari pubblici, o provengono direttamente dal mondo dell'imprenditoria e dello spettacolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I suoi consiglieri

L'attore-presidente si è circondato però di diversi esperti consiglieri - come l'ex ministro dell'Economia, Aivaras Abromavicius, e l'ex ministro delle Finanze, Aleksandr Danylyuk - e il suo staff ha garantito agli investitori, che il nuovo leader sarà in grado di mantenere gli impegni previsti dal programma di aiuti finanziari del Fondo monetario internazionale (Fmi), da cui dipende l'Ucraina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • Addio diesel, Volkswagen riconverte in ecologica la sua principale fabbrica tedesca

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • Grecia stanca della Troika: "Condizionalità nel Recovery Fund inaccettabili"

Torna su
EuropaToday è in caricamento