Il Parlamento Ue condanna Salvini per le "minacce" ai giornalisti

"Proibito minacciare o intimidire i giornalisti". Il capo della comunicazione dell'Eurocamera risponde ad una lettera di un gruppo di cronisti dopo l'incidente di ieri con il leader della Lega

European Parliament

"Il più sincero rincrescimento per l'incidente in sala stampa avvenuto martedì mattina durante la conferenza stampa con Salvini e i membri del gruppo ENF", l'Europa delle Nazioni e della Libertà, e una censura per come il gruppo euroscettico ha condotto la stessa con una "fragrante mancanza di rispetto per il lavoro e l'integrità dei giornalisti presenti".

Le frasi di Salvini e la risposta del Parlamento

Il responsabile della comunicazione del Parlamento Ue, Jaume Duch, risponde così ad una lettera firmata da un gruppo di giornalisti italiani ed inviata ieri sera al Presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani, dopo la conferenza stampa del leader della Lega in cui Salvini, dopo i numerosi applausi riservatigli dai suoi compagni di partito, affermava "se a qualcuno danno fastidio gli applausi, può accomodarsi fuori" ed "è troppo chiedere ai giornalisti educazione, almeno oggi?". 

"Se do fastidio accomodatevi fuori". Salvini litiga coni giornalisti a Strasburgo

I giornalisti erano intervenuti per richiamare deputati, assistenti e funzionari del gruppo ENF al regolamento della sala stampa, che non permette applausi e atti di sostegno. 

"Proibito minacciare o intimidire i giornalisti"

"Il comportamento dei non-giornalisti presenti nella sala stampa - scrive Duch - e lo svolgimento della conferenza stampa da parte del gruppo ENF hanno violato le nostre norme che disciplinano l'uso della sala stampa e una flagrante mancanza di rispetto per il lavoro e l'integrità dei giornalisti presenti". Durante le conferenze stampa, prosegue il responsabile della comunicazione dell'eurocamera, i membri dello staff dei gruppi "non sono autorizzati a parlare, manifestare o applaudire oratori, e certamente non a minacciare o intimidire i giornalisti che svolgono il loro lavoro".

Gruppo della Lega sotto stretto controllo

A seguito della lettera dei cronisti italiani, l'ufficio comunicazione ha contattato i responsabili del gruppo ENF per "presentare un reclamo formale". "In futuro - conclude Duch -seguiremo da vicino la conferenza stampa dell'ENF per verificare il rispetto delle regole e il rispetto del ruolo della stampa ed esaminare eventuali misure aggiuntive, se necessarie".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Ma dai !!!! Una così brava persona condannata per minacce !!!!! Non ci posso credere !!!!

  • ahahahahahha e poi regalano milioni a Erdogan... oppure in Germania il governo indica alla stampa come trattare alcuni temi delicati.. o Macron sceglie che giornalisti possono seguirlo nelle visite ufficiali .....pagliacci UE

  • Chiedo venia,non sono riuscita a commentare il pezzo di Bergonzi. Vorrei dire, non me ne voglia, ma mi è piaciuta molto la battuta di Crozza relativa alla " vacanza di Governo"

  • ho ascoltato "il pezzo"e sinceramente non vedo come Salvini abbia offeso la stampa. Se certa stampa non vede di buon occhio la Lega ed il suo rappresentante è tutta un'altra storia........!!!!!!!!

    • Avatar anonimo di Dario
      Dario

      Chissà perché si pizzicano... secondo me comunque con Berlusconi tutto questo non sarebbe successo mai, nel senso manco a pensarlo. Non ho sentito "il pezzo" ma mi baso su punti di vista personali nei confronti di tutti i giornalisti ( o buona parte del totale ) e Il leader di forza Italia.

    • Hai pienamente ragione Rosa!

  • Rispetto alla stampa odierna? Ma in che mondo vivono . Comunismo e fascismo sono finiti da tempo. Vai Salvini, insegnagli la buona educazione.

Notizie di oggi

  • Fake & Fact

    Così i gruppi di Facebook vengono usati per diffondere fake news sui vaccini

  • Attualità

    Disneyland Parigi avrà il suo Gay Pride: arriva il Magical Pride

  • Attualità

    Di Maio lancia la corsa 5 Stelle per l'Europa. E scarica un pezzo dei gilet gialli

  • Lavoro

    "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

I più letti della settimana

  • Ikea apre ai mobili di seconda mano. Per promuovere l'economia circolare

  • Aula quasi vuota per Conte a Strasburgo, Verhofstadt: "Burattino di Salvini e Di Maio"

  • Berlino teme di perdere 100 mila posti di lavoro. “Colpa della hard Brexit”

  • Adesso Francia e Germania vogliono togliere poteri all'Ue

  • Calenda difende Conte: "Non accetto attacchi alla dignità del mio Paese"

  • "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

Torna su
EuropaToday è in caricamento