Macron parla di “morte cerebrale” della Nato. Erdogan: “Controlli il suo di cervello”

Le parole del presidente francese hanno acceso il dibattito al Summit dell'Alleanza Atlantica e scatenato la reazione furiosa di Ankara

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha parlato di "morte cerebrale" della Nato, un commento che ha agitato le acque dell'Alleanza Atlantica, ma che è stato rivendicato come necessario "grido d'allarme" dall'inquilino dell'Eliseo.

Erdogan furioso

E queste parole hanno fatto andare su tutte le furie la Turchia, uno dei bersagli delle critiche del francese per l'intervento in Siria. "Macron dovrebbe controllare il proprio cervello prima di dichiarare che la Nato è cerebralmente morta", è stata la replica piccata del presidente Recep Tayyp Erdogan, come riportato dall'agenzia turca Anadolu.

Dissidi con la Germania

Secondo quanto riportato dalla stampa statunitense le dichiarazioni di Macron sulla Nato avrebbero portato ad un diverbio con la cancelliera tedesca Angela Merkel, smentita dal governo di Berlino, che ha tuttavia ammesso l'esistenza di "approcci politici spesso differenti della Germania e della Francia per far fronte ai problemi e alle sfide, e al fatto che sono sempre alla ricerca di soluzioni". Secondo il Nyt Merkel aveva comunicato a Macron senza mezzi termini la propria irritazione per le dichiarazioni del presidente francese riguardo alla "morte cerebrale" della Nato: "Capisco il desiderio di una politica di rottura, ma io devono ogni volta raccogliere i cocci", avrebbe concluso la Cancelliera. A questa frase Macron avrebbe ribattuto a sua volta: "Non posso fare finta di nulla". La polemica riguardava in particolare l'inazione della Nato in seguito all'offensiva turca nel nord della Siria, senza alcuna concertazione con gli altri alleati.

Questioni aperte

"Le questioni che ho sollevato non sono state risolte", ha puntualizzato ieri Macron in una conferenza stampa a Parigi assieme al segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. Il presidente francese ha sottolineato come siano ancora aperte le questioni sulla pace in Europa, i rapporti con la Russia, della Turchia e di quali siano gli avversari contro cui difenderci. "Gli ultimi due summit sono stati dedicati soltanto a come potevamo alleviare i costi finanziari sostenuti dagli Stati Uniti", ha rimarcato Macron, aggiungendo che vi è una "lampante disconnessione" fra questo dibattito e le sfide che l'Alleanza deve affrontare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco gli aerei più pericolosi da non prendere, l'Ue pubblica la 'lista nera'

  • Finlandia, la nuova premier ha 34 anni e due mamme

  • Auto elettriche, 7 Paesi Ue finanziano l'industria delle batterie. C'è anche l'Italia

  • La Disneyland svedese? È un mega centro commerciale (con un reality show)

  • Rivolta nel partito di Farage: “Per attuare la Brexit bisogna votare Johnson”

  • Ue salva banca tedesca. M5s: "All'Italia non è stato permesso"

Torna su
EuropaToday è in caricamento