L'Italia si spacca sull'Ema: il M5s per il sì condizionato ad Amsterdam. Pd, Forza Italia e Lega contro

I dem: "Hanno piegato la testa di fronte ai governi". Ribatte il grillino Pedicini: "Unico modo per mantenere speranze per Milano, bocciando il nuovo regolamento rimaneva la decisione dei governi, così si può negoziare". Il testo è stato approvato dalla plenaria a larga maggioranza

Amsterdam. EPA/ROBIN UTRECHT

Tutti per Milano, ma ognuno con la sua strategia: al Parlamento Ue la delegazione italiana si spacca sulla ratifica del passaggio dell'EMA all'Olanda. Da una parte i 5 Stelle e dall'altra Lega, PD e Forza Italia. I grillini votano con il relatore della proposta di modifica del regolamento sull'Agenzia Ue del farmaco, Giovanni La Via di AP, un testo che da un sì condizionato ad Amsterdam, ma che guarda anche al futuro chiedendo che Strasburgo partecipi a tutte le prossime designazioni delle sedi destinate ad ospitare autorità comunitarie.

Il Parlamento Ue conferma Amsterdam. Milano si rifarà con la neonata Agenzia del lavoro?

Magari a partire proprio da una ridiscussione della casa della stessa EMA qualora il governo olandese non dovesse rispettare i tempi di consegna dell'edificio provvisorio e, soprattutto, di quello definitivo, che deve essere operativo per il 15 novembre 2019 e per cui i lavori non sono ancora iniziati. 

Il no di PD, Forza Italia e Lega

Dall'altro lato PD, Forza Italia e Lega bocciano invece il testo, perché non viene citata Milano e perché non viene rigettato il metodo di selezione seguito dai governi. "Purtroppo oggi - il commento di Patrizia Toia, capodelegazione PD - dobbiamo constatare che la maggioranza dei nostri colleghi eurodeputati, ma non noi eurodeputati PD, ha piegato la testa e ha approvato un testo in cui si punta il dito contro la scorrettezza delle procedure per l'assegnazione dell'EMA e allo stesso tempo non si ha il coraggio di mettere in discussione fin da subito la scelta fatta con queste stesse procedure contestate. E' il solito timore reverenziale delle istituzioni comunitarie nei confronti dei Governi - continua l'esponente Dem - e a perderci non è solo la città di Milano, ma tutti i cittadini europei che hanno diritto ad un'Agenzia dei medicinali che garantisca senza ombra di dubbio la continuità del lavoro nonostante la Brexit. (..) Se le regole sono sbagliate anche i risultati a cui hanno portato queste regole vanno rimessi in discussione". 

Pedicini, M5s, "Votare no significava perdere le ultime speranze"

"Votare no oggi alla relazione sull’EMA del Parlamento europeo - ribatte l’eurodeputato M5s Piernicola Pedicini - avrebbe significato perdere le ultime speranze per Milano, perché si sarebbe lasciata inalterata la decisione già presa a novembre da 27 Stati membri a margine del Consiglio Ue. Insomma - continua l'esponente grillino - il Parlamento non avrebbe più avuto alcun diritto di parola, mentre votando sì c’è ancora una possibilità di porre dei paletti ad Amsterdam, cambiando le cose in sede di trilogo (il negoziato con Commissione e Consiglio Ue, ndr). Si tratta di un negoziato difficile ma nel quale dobbiamo impegnarci a fondo. Il MoVimento 5 Stelle - conclude Pedicini - ha provato a cambiare con degli emendamenti la sede, cancellando Amsterdam. Una volta che sono stati bocciati, l’unica opzione rimasta era appunto rimandare la discussione al trilogo. Siamo stati gli unici a provarci, il resto sono chiacchiere e un uso strumentale delle procedure del Parlamento Ue". 

Sì condizionato ad Amsterdam e negoziati con il Consiglio approvati a larga maggioranza

Il testo firmato da La Via è stato comunque approvato a larghissima maggioranza, 507 sì, 112 no e 37 astensioni. Oltre a PD, FI e Lega, contrari anche i conservatori, gli euroscettici dell'Ukip e gli eurofobici del gruppo Europa delle Nazioni e della Libertà. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • LUCIO, Lei fa confusione tra il diritto di espressione/opinione col dovere di fermarsi un secondo prima di parlare. Magari lei è un uomo di successo che gira in ferrari ma per colpa di sparate come le sue, io che sono siciliano, mi devo sentire dire che sono un fannullone, che non voglio lavorare, che sono abbindolabile da facili promesse politiche, che vendo il mio voto per un pacco di pasta, assistenzialismo, che non capisco nulla etc.. Solo per farle un esempio, se prova a cercare lavoro in sicilia (SUD ITALIA) come ingegnere in una industria, il 90% dei pochissimi annunci di lavoro riguardano industrie attive nel settore del farmaco e delle apparecchiature medicali. Avere la sede a milano, oltre a creare ulteriori posti di lavoro a milano (ITALIA) per tutti i meridionali che decidono di emigrare al nord, oltre a creare ricchezza in Italia che si traduce in maggiori introiti per lo stato e quindi maggiori disponibilità economiche per investimenti anche per il sud (al netto di corruzione e sprechi), aiuta tutta l'italia (NORD,SUD,EST OVEST) nell'avere un peso, forse minima o forse no, nell'indirizzare alcune decisioni cruciali a favore anche delle poche aziende ed industrie che ci sono al sud Poi se vuole possiamo continuare a fare i discorsetti del cavolo che facevano i miei bis bis bis nonni, ovvero nord contro sud, terroni contro polentoni, si stava meglio prima di garibaldi....tutti discorsi di divisione che non hanno fatto altro che aumentare le differenze tra nord e sud, spaccandoci in due paesi e rendendoci incredibilmente inutili sul piano internazionale

  • La deficienza del M5S ai riassume bene con la risposta di "Lucio" qua sotto ovvero i grilloidi sono la nuova DC dei meridionali in fila al CAF per prendere i soldi del nord senza lavorare...fate schifo.

  • A noi del Sud che l'EMA vada a Milano o meno non ce ne f o t t e un beneamato ca...o di niente. Per noi non cambia nulla.

Notizie di oggi

  • Multimedia

    Tg Europa Today: i 10 successi del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni

  • Attualità

    Lo scandalo di Ibiza che affossa i sovranisti austriaci. E preoccupa Salvini

  • Attualità

    Europee, un’Olanda balcanizzata si prepara al voto: nessun partito arriva al 20%

  • Attualità

    L'ex re del Belgio dovrà fare il test del Dna per scoprire se ha una figlia illegittima

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • L’Italia sta con Merkel e 'tradisce' i Paesi ambientalisti: “No all’azzeramento delle emissioni”

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

Torna su
EuropaToday è in caricamento