Verso l'addio al carbone? Diminuisce il numero di centrali in tutto il mondo

Nell'Ue dieci Paesi membri, tra cui l'Italia, si sono impegnati a chiudere questi impianti entro il 2030. Greenpeace: “L'inquinamento che producono è responsabile di centinaia di migliaia di morti premature ogni anno”

Il mondo si avvia, anche se lentamente, a dire addio al carbone per la produzione di energia elettrica. Il numero di questo tipo di centrali in fase di sviluppo è diminuito drasticamente nel 2017 in tutto il mondo, soprattutto in Cina e India. Lo rivelano i dati di un rapporto di Greenpeace, the Sierra Club e CoalSwarm che mostrano che questo trend positivo va avanti per il secondo anno consecutivo. Il report segnala una diminuizione del 28% del numero di centrali a carbone appena completate rispetto all’anno precedente (41% negli ultimi due anni), un calo del 29% nella costruzione di centrali a carbone rispetto al 2016 (73% negli ultimi due anni), e un calo del 22% in termini di autorizzazioni e pianificazione delle centrali (59% negli ultimi due anni).

Le ragioni del continuo declino nell’utilizzo del carbone come fonte di energia risiedono nell'inasprimento delle restrizioni sui nuovi progetti da parte delle autorità centrali cinesi e da un ampio cambio di rotta nel finanziare il carbone da parte dei privati in India. La costruzione di centrali a carbone in India, infatti, è ferma in 17 siti. Negli ultimi 3 anni in tutto il mondo sono stati ritirati 97GW di centrali a carbone, di cui 45GW negli USA, 16GW in Cina e 8GW nel Regno Unito. Nel 2017, solo sette paesi hanno avviato nuove costruzioni di centrali a carbone in più di un sito.

Se guardiamo all'Unione europea vediamo che a febbraio 2018, dieci paesi membro avevano cessato l'uso del carbone per la produzione di energia o si erano impegnati a eliminarlo gradualmente entro il 2030: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Svezia e Regno Unito. Nel Regno Unito, l'elettricità fornita dal carbone è scesa dal 45% della generazione complessiva nel 2012 a solo il 2% nel 2017 con il Paese che prevede di ritirare i restanti impianti entro il 2025.

I Paesi Bassi prevedono di ritirare i propri entro il 2030 mentre la Germania, che ha in progettazione nuovi impianti, ha deciso che l'anno prossimo stabilirà una data per l'uscita dal carbone. Oltre alla Germania, i paesi dell'Ue che continuano a costruire nuove centrali a carbone sono la Repubblica ceca, Grecia, Ungheria, Polonia e Romania.

"Dal punto di vista del clima e della salute, la tendenza verso la diminuzione dell'utilizzo del carbone è incoraggiante, ma non abbastanza veloce", ha dichiarato Ted Nace, direttore di CoalSwarm secondo cui "fortunatamente, la produzione di massa sta riducendo i costi degli impianti solari e eolici molto più rapidamente del previsto, e sia i mercati finanziari che le centrali in tutto il mondo stanno prendendo nota".

"La diminuzione nella costruzione di centrali elettriche a carbone e l'accelerazione delle loro chiusure sono ottime notizie per la salute pubblica perché l'inquinamento da centrali elettriche a carbone è responsabile di centinaia di migliaia di morti premature ogni anno a livello mondiale", ha avvertito Lauri Myllyvirta, senior campaigner globale di Greenpeace. Per l'ambientalista però "nonostante il rallentamento delle costruzioni, la situazione di sovraccapacità ha continuato a peggiorare soprattutto in Cina, India e Indonesia, dal momento che nuovi impianti continuano ad essere messi in funzione".

Attualmente sta crescendo a livello globale una campagna di eliminazione del carbone, sostenuta da 34 paesi e entità subnazionali. Ad oggi, dieci paesi dell'Ue, tra cui l’Italia, hanno smesso di utilizzare il carbone per la produzione di energia o si sono impegnati a eliminare gradualmente il carbone entro il 2030.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dato il ritiro delle centrali a carbone che si è verificato negli ultimi due decenni, il report prevede che il numero di centrali a carbone al livello mondiale diventerà sempre meno nel 2022. Nonostante i dati del rapporto, però, le emissioni previste per la durata dell’esistenza delle attuali centrali a carbone continueranno a superare la quota di carbonio prevista per il carbone e necessaria per rispettare l'accordo di Parigi sul clima. Come emerge dallo studio, se si vogliono mantenere le emissioni di carbonio entro i limiti, deve essere interrotta l'ulteriore costruzione di centrali a carbone e gli impianti esistenti devono essere ritirati velocemente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Addio diesel, Volkswagen riconverte in ecologica la sua principale fabbrica tedesca

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • L'Olanda fornisce aiuti economici alle ex colonie, ma pretende in cambio austerità

  • Grecia stanca della Troika: "Condizionalità nel Recovery Fund inaccettabili"

  • Lisbona riconvertirà le case di Airbnb in appartamenti per i lavoratori chiave

Torna su
EuropaToday è in caricamento