Tassare i centri commerciali per proteggere l'ambiente? E' giusto, assicura la Corte di Giustizia Ue

Sconfitta la grande distribuzione: i giudici del Lussemburgo approvano le tasse regionali spagnole che colpiscono i centri commerciali. L'imposta è pensata per correggere l'impatto ambientale in termini di urbanistica e flussi di traffico

ANSA/ UFFICIO STAMPA REGIONE PIEMONTE

Tassare i grandi centri commerciali per correggere i danni ambientali che producono è assolutamente lecito e legittimo. A deciderlo è stata oggi la Corte di Giustizia Ue analizzando il reclamo dell'ANGED, l'Associazione spagnola delle grandi imprese di distribuzione, scese in campo contro le imposte regionali sulle grande superficie di vendita approvata nel 2016 in Catalogna, Asturie e Aragona. Tali imposte sono volte a compensare gli effetti territoriali e ambientali che possono derivare dall’attività dei grandi stabilimenti commerciali, essendo il loro gettito destinato a piani d’azione per l’ambiente e al miglioramento delle infrastrutture.

Sentenza 'spagnola', ma che vale per tutta la Ue

Dopo un passaggio al Tribunale supremo spagnolo, la diatriba è approdata in Lussemburgo per il suo capitolo finale, con i giudici Ue che hanno dato torto su tutta la linea alla grande distribuzione. Con le odierne sentenze, la Corte dichiara infatti che tanto la libertà di stabilimento quanto il diritto degli aiuti di Stato non sono contrari a imposte che colpiscono i grandi stabilimenti commerciali. Se la sentenza è calibrata sulle tre leggi regionali spagnole, rigurda comunque tutta la Ue ed apre di fatto le porte ad iniziative uguali in tutti gli altri Stati membri. 

La dimensione conta: più grande il centro, più danni ambientali

Per quanto riguarda la libertà di stabilimento, la Corte dichiara, anzitutto, che il criterio relativo alla superficie di vendita dello stabilimento, scelto per individuare gli stabilimenti colpiti dall’imposta, non determina alcuna discriminazione diretta. Essa aggiunge che tale criterio non sembra sfavorire nella maggior parte dei casi i cittadini di altri Stati membri o le società aventi sede in altri Stati membri.

Le tasse servono a compensare l'attività dei grandi stabilimenti

La Corte sottolinea che le imposte di cui trattasi perseguono l’obiettivo di contribuire alla protezione dell’ambiente e alla pianificazione territoriale, tentando di correggere e compensare l’impatto dell’attività dei grandi stabilimenti commerciali (risultante in particolare dai flussi di circolazione generati), mediante il contributo di tali stabilimenti al finanziamento di misure a favore dell’ambiente e del miglioramento delle infrastrutture.

Per la Corte è incontestabile che l’impatto ambientale degli stabilimenti commerciali dipenda ampiamente dalla loro dimensione. Infatti, più la superficie di vendita è ampia, più grande sarà l’affluenza del pubblico, il che si traduce in un maggiore impatto negativo sull’ambiente. La Corte considera che un criterio fondato sulla superficie di vendita al fine di differenziare le imprese a seconda del loro maggiore o minore impatto ambientale è coerente con gli obiettivi perseguiti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • A dire il vero i centri commerciali, pur avendo una vastità di negozi, hanno un impianto di riscaldamento unico, sicuramente più efficiente e meno inquinante, paragonandolo ad un numero separato di caldaie che servirebbero per riscaldare un numero pari di negozi situati in un ipotetico contro cittadino, la raccolta dell'immondizia è centrale, molto meglio della strada, dove le immondizie vengono buttate per terra la maggioranza delle volte, i centri commerciali hanno sempre posteggi liberi e aiutano a diminuire l'inquinamento perché non obbligano un acquirente a girare mezza città per trovare parcheggio, in più le merci viaggiano tutte verso uno stesso posto e non ci sono camion, con i loro bei fumi di scarico, che si muovono da un posto all'altro della città per consegnare quantitativi minimi ad ogni negozio. Queste sono alcune delle considerazioni che mi sono venute in mente, ma prima di tutto è che se aumenteranno le imposte ai centri commerciali, a pagare saremo noi frequentatori dei centri commerciali, indirettamente, ma alla fine pagheremo sempre noi perché le scaricheranno sui prodotti che acquisteremo, a me sembra un modo misero per spremere lo spremibile. Poi ognuno la vede come vuole!

  • Sacrosanto! Adesso speriamo che le amministrazioni locali la mettano in atto... ma dubito fortemente, visto lo scarsissimo eco che ha avuto la notizia.

  • Giustissimo ? bravi ! bis !

Notizie di oggi

  • Attualità

    In Europa i popolari primo partito, exploit di liberali e verdi. La destra non sfonda

  • Attualità

    Greta “vince” le elezioni europee: le istanze ambientaliste hanno la maggioranza

  • Attualità

    Europee nel caos per gli italiani all’estero: “Oltre due ore in fila per votare” 

  • Europa Anno Zero - Il podcast

    Al voto ridendo (anche della stessa Ue)

I più letti della settimana

  • Europee, un pezzo d'Italia al voto per la Romania. E Salvini corteggia i socialisti di Bucarest

  • Elezioni europee, arriva il test per aiutare gli indecisi 

  • Nuove regole europee sui droni: non servirà l'autorizzazione per i più leggeri

  • Europee, c'è già un primo vincitore (parziale): l'affluenza. Mai così alta negli ultimi vent'anni

  • Migranti, cosa dice la lettera dell'Onu che accusa l'Italia di violazione dei diritti umani

  • Affare saltato sul debito della Grecia, investitori tedeschi perdono causa con la Bce

Torna su
EuropaToday è in caricamento