Il Parlamento chiede la messa al bando delle microplastiche non riciclabili

Il relatore del testo approvato a Strasburgo: “Usare la plastica in modo sostenibile e responsabile, in modo da poter fermare gli effetti dannosi e preservare il valore della catena di produzione”

Foto Ansa EPA/CLEMENS BILAN

Nell'Ue, la produzione globale annua di plastica ha raggiunto i 322 milioni di tonnellate nel 2015, e si prevede che raddoppierà nei prossimi 20 anni. Purtroppo però solo il 30% dei rifiuti di plastica viene raccolto per il riciclaggio e solo il 6% della plastica immessa sul mercato è costituita da materiali riciclati. La plastica rappresenta l'85% dei rifiuti delle spiagge e oltre l'80% dei rifiuti marini e sono necessari interventi se si vuole fermare la diffusione di questo tipo di inquinamento.

La risoluzione

In una risoluzione approvata con 597 voti favorevoli, 15 contrari e 25 astensioni il Parlamento europeo chiede incentivi per la raccolta dei rifiuti marini in mare, nuove norme a livello europeo in materia di biodegradabilità e compostabilità e un divieto totale entro il 2020 della plastica ossidegradabile, un materiale che non è biodegradabile né compostabile e influisce negativamente sul riciclaggio della plastica convenzionale. "Questa relazione non è un appello contro la plastica, ma un appello per un'economia circolare della plastica, in cui trattiamo la plastica in modo sostenibile e responsabile, in modo da poter fermare gli effetti dannosi e preservare il valore della catena di produzione”, ha dichiarato il relatore Mark Demesmaeker, conservatore belga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Economia circolare

Un mercato interno per le materie prime secondarie è necessario per garantire la transizione verso un'economia circolare, dicono i deputati europei che chiedono pertanto alla Commissione europea di proporre degli standard sulla qualità per creare fiducia e rafforzare il mercato della plastica secondaria, tenendo conto dei diversi gradi di riciclaggio compatibili con i diversi usi, garantendone al tempo stesso la sicurezza, ad esempio quando la plastica riciclata è utilizzata in contenitori per alimenti. Gli Stati membri, per Strasburgo, dovrebbero considerare la possibilità di ridurre l'Iva sui prodotti contenenti materiali riciclati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Addio diesel, Volkswagen riconverte in ecologica la sua principale fabbrica tedesca

  • L'Olanda fornisce aiuti economici alle ex colonie, ma pretende in cambio austerità

  • Balneari, Bruxelles contro l'Italia: "No a proroga concessioni"

  • Lisbona riconvertirà le case di Airbnb in appartamenti per i lavoratori chiave

  • Merkel: senza accordo tra Germania e Francia l'Ue non va da nessuna parte

Torna su
EuropaToday è in caricamento