Piano Ue per riciclare 10 milioni di tonnellate di plastica entro il 2025

Siglata un’intesa con oltre 100 partner pubblici e privati che si impegneranno a non gettare il materiale in discarica

Meno di un terzo della plastica raccolta in tutta Europa va a finire negli impianti di riciclaggio. Solo una piccola parte delle bottiglie e imballaggi separati nelle pattumiere hanno dunque una “seconda vita” come materia prima per un altro prodotto. Il mercato della plastica riciclata copriva infatti nel 2016 appena l’8% del fabbisogno Ue, con 4 milioni di tonnellate di rifiuto effettivamente riciclato e riutilizzato. Con l’obiettivo di rimettere in circolo il materiale oggi trattato come semplice spazzatura, la Commissione europea messo a punto un’intesa con oltre 100 partner pubblici e privati “che rappresentano l'intera catena del valore della plastica”, che si impegneranno a riutilizzare ogni anno almeno 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata entro il 2025. 

Gli obiettivi dell'Alleanza

La dichiarazione, presentata come “Alleanza circolare per la plastica”, chiede inoltre una transizione verso l'eliminazione totale dei rifiuti di plastica in natura e l'abbandono della messa in discarica. Per il raggiungimento di tali obiettivi, i firmatari si impegnano a “migliorare la progettazione dei prodotti di plastica per renderli più riciclabili e integrare maggiormente la plastica riciclata”, ma anche a “istituire un sistema di monitoraggio trasparente e affidabile per tenere traccia di tutti i flussi di rifiuti di plastica nell’Ue”. 

Benefici del riciclo

“Accolgo con favore gli impegni assunti dall'industria per ripensare il modo in cui produciamo e utilizziamo la plastica - ha detto il primo vicepresidente Frans Timmermans, responsabile dello sviluppo sostenibile. “Riciclando efficacemente la plastica - prosegue Timmermans  - renderemo il nostro pianeta più pulito e combatteremo i cambiamenti climatici sostituendo i combustibili fossili con rifiuti di plastica nel ciclo produttivo”.

Posti di lavoro e partecipazione  

Secondo Elbieta Biekowska, commissaria per il Mercato interno e l’Industria “dobbiamo sfruttare appieno questa opportunità per proteggere l'ambiente, creare nuovi posti di lavoro in questo settore e rimanere competitivi”. “La dichiarazione dell’Alleanza - conclude la commissaria uscente - rimarrà aperta alla firma sul sito web della Commissione per consentire a più firmatari di aderire, in particolare le autorità pubbliche di tutta Europa”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue la Svizzera non è più un paradiso fiscale

  • "Gli Stati ricchi paghino di più", l'Ue presenta il conto a Germania e Olanda

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Chi sono i 20 giganti che inquinano di più al mondo

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

Torna su
EuropaToday è in caricamento