La Plastic Tax in Europa è già realtà

La Commissione vuole introdurla a livello comunitario ed il provvedimento caro a Di Maio è già presente, in forme diverse, in diversi Stati membri

Foto Ansa

In Italia si discute l'introduzione della Plastic Tax, provvedimento caro al Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio ma che sta creando malumori nella maggioranza, soprattutto con Italia Viva di Matteo Renzi ad essere contraria.

Come funziona

Si dovrebbe trattare di una imposta sul “consumo dei manufatti in plastica con singolo impiego”, che prevede anche “incentivi per le aziende produttrici di manufatti in plastica biodegradabile e compostabile”. In sostanza, la plastic tax mira a scoraggiare l'utilizzo di prodotti monouso contenenti plastica, con un'aliquota unica di 1 euro ogni chilogrammo di plastica.

Timori per il comparto

I contrari al provvedimento temono che questa tassa possa mettere in difficoltà un comparto, quello delle industrie che producono macchine per il confezionamento e l'imballaggio, che ha avuto un fatturato di 7,85 miliardi di euro nel 2018, in crescita del 9,4% sull'anno precedente, e che resta uno dei comparti industriali italiani più vitali. Secondo gli ultimi numeri dell'Ucima (l'Unione costruttori italiani macchine automatiche per il confezionamento e l'imballaggio) il comparto è primo per quota sull'export totale dei beni strumentali (24,4%) grazie alle 631 aziende attive principalmente lungo l'asse della via Emilia, da Milano a Rimini, con distretti produttivi anche in Piemonte, Veneto, Toscana. Un settore, sottolinea l'Ucima, che "per livello tecnologico e presidio dei mercati si contende la leadership mondiale con la Germania, generando un quarto dell'export mondiale di macchine". Sul fronte del mercato di casa, le vendite sono state pari a 1,6 miliardi di euro, in crescita del 10,7% sul 2017, mentre quelle sui mercati esteri hanno superato i 6 miliardi (+9%).

La proposta della Commissione

L'idea cara al Movimento 5 Stelle è anche in discussione a livello comunitario. A maggio 2018 la Commissione europea ha inserito tra le sue proposte per il bilancio comunitario 2021-2027 l'introduzione di un tributo nazionale di 0,80 centesimi di euro per ogni chilogrammo di plastica contenuto in imballaggi non riciclati. Si stima che questa tassa potrebbe generare ricavi annuali per 6,6 miliardi di euro. Al momento, la proposta è sul tavolo del Consiglio europeo, la cui presidenza di turno è attualmente ricoperta dalla Finlandia, che in un comunicato del 7 ottobre 2019 ha sottolineato come l'introduzione di una tassa sulla plastica non riciclata stia raccogliendo "un vasto supporto" e sarebbe l'unica nuova tassa proposta dalla Commissione Ue ad avere ottenuto l'appoggio degli Stati membri durante la discussione sul bilancio.

Negli altri Stati membri

Uno studio dell'Ocse, pubblicato a luglio 2019, spiega come in diversi Paesi membri siano in vigore tasse sulla plastica, o meglio, su determinati tipi di plastica e su determinati usi della plastica, come quella destinata agli imballaggi. Stati membri dell'organizzazione - come Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Lettonia, Paesi Bassi e Slovenia - hanno infatti scelto anche la leva fiscale per modificare il comportamento dei cittadini in questo settore. Per esempio, la tassa sugli imballaggi in Belgio è di 3,6 euro al chilogrammo per le posate usa e getta di plastica, mentre è di 3 euro al chilo per le borse di plastica monouso. In Francia, la tassa è di 6 centesimi di euro per borsa; in Irlanda di 0,22 euro; in Portogallo di 0,08 euro (più Iva); nel Regno Unito di 5 centesimi di euro. Una misura simile sulle borse di plastica in materiale leggero è tra l'altro in vigore anche in Italia, attraverso una legge del 2017 che ha recepito una direttiva europea del 2015 e che all'epoca aveva creato non poche polemiche. In Danimarca, i prodotti di packaging hanno un'imposta che va da oltre 1 euro al chilo per quelli che contengono plastica riciclata, a oltre 1,70 euro per i prodotti con plastica non riciclata. Nel Paese scandinavo sono tassate anche altre due materie plastiche, il polistirene espanso sinterizzato (Eps) e il cloruro di polivinile (Pvc), entrambi circa 2,70 euro al chilo. Nel 2018, il Regno Unito ha invece introdotto una plastic packaging tax che entrerà in vigore da aprile 2022.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia, la Lega chiede aiuto all'Ue

  • I Paesi Ue più 'pericolosi' per gli atei? Italia e Spagna

  • "In Italia i centri per migranti sono vuoti". E in 60mila 'fuggono' all'estero

  • Il dietrofront di Farage spinge i Tory che balzano a più 14 punti sui laburisti

  • Elezioni in Romania, sfida al secondo turno tra Iohannis e Dancila. Barna va forte solo all’estero

  • Triste primato per il sud Italia: tra i neo laureati i tassi d'occupazione più bassi dell'Ue

Torna su
EuropaToday è in caricamento