Rischio cancro per chi vive vicino a un porto: "Colpa dei fumi delle navi"

Secondo una ricerca condotta a Civitavecchia. Dopo il caso della macchia di carburante vicino alla Corsica, Cittadini per l’aria chiedono l'istituzione di una Emission Control Area per tutelare il Mediterraneo

Lo sversamento di circa 600 metri cubi di carburante avvenuto nel mar Ligure a causa di una collisione tra la motonave Ulisse e un portacontainer hanno scatenato le critiche delle associazioni che da anni si battono per un mare più pulito e per la riduzione dell’inquinamento dovuto al trasporto marittimo. Con un comunicato stampa, l’Onlus ambientalista Cittadini per l’aria ha rivolto un appello al ministro dell’Ambiente Sergio Costa per l’istituzione di una zona a basse emissioni che possa tutelare l’intero Mediterraneo dalla Co2 e altre sostanze inquinanti.

Anna Gerometta, presidente dei Cittadini per l’aria, ha ricordato che una ricerca condotta a Civitavecchia dal Dipartimento di Epidemiologia del Lazio ha evidenziato che chi vive entro 500 metri dal porto cittadino è soggetto, a causa dell’esposizione ai fumi provenienti delle navi, a un incremento della mortalità del 51% per malattie neurologiche e del 31% per tumori ai polmoni. 

“Il carburante sporco che sta inquinando il mare al largo della Corsica - denuncia la presidente - è lo stesso che le navi bruciano per navigare nei pressi delle nostre coste e nei nostri porti, danneggiando la salute dei cittadini”. La Gerometta precisa che “l’HFO (Heavy Fuel Oil, c.d. olio pesante) è un carburante altamente inquinante e viscoso, costituito dai residui della raffinazione, che può avere un tenore di zolfo fino a 3500 volte superiore a quello dei carburanti diesel ammessi per i veicoli sulla terraferma”. 

“È necessario al più presto un cambiamento che ponga il mare e i cittadini al riparo dai rischi che l’uso di questo carburante comporta”, conclude la presidente dell’associazione ambientalista. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Qualcuno potrebbe dire che di qualcosa in ogni caso dovremo pur morire, ma a parte le battute alla Catalano sembra difficile se non impossibile contemperare perfettamente le esigenze vitali delle persone con le attività economiche ed industriali, in attesa di soluzioni davvero efficaci, a quanto pare purtroppo qualche rischio nella vita ce lo dovremo cuccare sempre...

  • Da 3 anni sto respirando anche il diesel perché davanti al condominio dove ho alloggio hanno posizionato un officina meccanica in una zona residenziale, un via vai di auto e gente che fissa.

Notizie di oggi

  • Multimedia

    Tg Europa Today: i 10 successi del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni

  • Attualità

    Lo scandalo di Ibiza che affossa i sovranisti austriaci. E preoccupa Salvini

  • Attualità

    Europee, un’Olanda balcanizzata si prepara al voto: nessun partito arriva al 20%

  • Attualità

    L'ex re del Belgio dovrà fare il test del Dna per scoprire se ha una figlia illegittima

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • L’Italia sta con Merkel e 'tradisce' i Paesi ambientalisti: “No all’azzeramento delle emissioni”

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

Torna su
EuropaToday è in caricamento