Auto, Italia e Polonia regine Ue dei carburanti alternativi

Secondo i dati di Eurostat, in questi due Paesi oltre la metà del consumo europeo. Francia leader del diesel

In Europa, oltre la metà del consumo di carburanti alternativi alla benzina e al diesel avviene in due soli Paese: Italia e Polonia. E' quanto emerge dai dati di Eurostat. 

In termini percentuali, la Polonia è stato il Paese dell'Unione europea dove si è registrato l'uso più alto di combustibili alternativi, diversi da benzina e diesel, per le auto private nel 2016. Secondo l'ufficio statistico dell'Ue, l'uso di combustibili alternativi ha toccato il 16% in Polonia, il 10% in Lituania e l'8% sia in Italia sia in Lettonia. Ma se si guarda al consumo complessivo di questi propulsori, il nostro Paese si piazza subito dietro i polacchi. 

I carburanti alternativi includono, tra gli altri, elettricità, Lpg, gas naturale, alcol, mix di alcol con altri carburanti, idrogeno, biofuel (biodiesel). Eurostat ha informato che, nel 2016, più della metà della auto in 15 dei 24 Paesi Ue erano alimentate a benzina, con le percentuali più alte registrate a Cipro (86%), in Finlandia (75%) e Ungheria (70%). Le auto diesel erano più popolari in Francia (69%), Lituania (65%), Lussemburgo (64%), Austria e Spagna (entrambe 57%), Portogallo (54%) e Lettonia (53%).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Via i fondi regionali ai Paesi Ue che non rispettano le regole di bilancio

  • Attualità

    Il Labour apre (ma non troppo) a un secondo referendum sulla Brexit

  • Attualità

    Perché l'attacco di Di Battista alla Francia "piace" alla Germania

  • Attualità

    Asse Parigi-Berlino: cos'è il Trattato di Aquisgrana. Che la Lega contesta 

I più letti della settimana

  • La guerra del Big Mac: il “Davide” irlandese sconfigge McDonald's. "Grazie all'Ue"

  • "Per la Germania sono finiti i tempi migliori", l'allarme degli industriali tedeschi

  • Che cos’è il franco Cfa che i 5 Stelle attaccano. E che ha poco a che vedere con i migranti

  • Strasburgo apre al reddito di cittadinanza: "Possibile co-finanziamento Ue"

  • Colpo a Orban e Kaczynski, Strasburgo taglia i fondi Ue a chi non rispetta lo stato di diritto

  • Caos Brexit, l'allarme dell'industria farmaceutica: "Rischi per pazienti in Ue e nel Regno Unito"

Torna su
EuropaToday è in caricamento