Il nucleare è energia sostenibile? Per la Francia sì, ma l'Ue si divide

Parigi guida il fronte insieme ai Paesi dell'Est, tra i contrari la Germania. L'Italia spinge invece perché il gas non sia escluso dalle fonti Verdi

La Commissione europea di Ursula von der Leyen ha lanciato il suo Green New Deal, il piano d'azione europeo sul clima. Ma al di là degli annunci sono ancora molte le differenze tra gli Stati membri, che non sono ancora riusciti a mettersi d'accordo su quali siano le fonti energetiche da considerare verdi, con la Francia di Emmanuel Macron che spinge affinché anche il nucleare sia considerato tale e l'Italia che non vuole che invece il gas non lo sia più.

Le divisioni sul nucleare

Si tratta di decidere quale tipo di investimento può contribuire alla transizione ecologica in Europa e quindi stabilire etichette verdi, un argomento con pesanti conseguenze finanziarie. Come racconta il quotidiano belga La Libre da un lato ci sono i sostenitori del nucleare guidati da Parigi e sostenuti da alcuni paesi dell'Europa orientale, come la Repubblica Ceca, e dall'altro i suoi feroci avversari come Germania, Austria, Lussemburgo e Grecia. Giovedì scorso i negoziatori del Parlamento europeo e degli Stati membri hanno raggiunto un accordo preliminare sulla definizione di "investimenti verdi" ma rinviando ogni decisione sulla questione più spinosa: l'energia atomica.

Compromesso bloccato

"Il governo francese ha bloccato il compromesso insieme agli stati di Visegrad (Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, ndr), Romania, Bulgaria e Regno Unito ", ha dichiarato Sven Giegold, eurodeputato verde tedesco, in una nota spiegando che "hanno bloccato il compromesso perché rende praticamente impossibile finanziare l'energia nucleare con prodotti finanziari destinati alle energie sostenibili". Lunedì i rappresentanti degli Stati membri dovrebbero riuscire a raggiungere un accordo sul compromesso preliminare, ma sarà poi necessario avviare trattative con il Parlamento per raggiungere quello definitivo.

L'Italia e il gas da "decarbonizzare"

Da parte sua l'Italia si sta battendo affinché il gas continui ad essere considerato energia rinnovabile e Verde. L'efficienza energetica deve "essere la priorità" e deve essere sviluppato "un settore energetico che sia basata in gran parte su fonti rinnovabili, accompagnato da una rapida uscita dal carbone e dalla decarbonizzazione del Gas", si legge nella comunicazione sul Green Deal europeo approvata dal collegio dei commissari a Bruxelles. E visto che il testo afferma che "decarbonizzare" il settore energetico nell'Ue è "cruciale" per raggiungere gli obiettivi per la lotta al cambiamento climatico al 2030 e al 2050”, il nostro Paese teme che questa energia di cui siamo produttori possa finire sotto la scure comunitaria. Anche qui le trattative sono in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Naufragio fece 1000 morti, Corte Ue: “Italia risarcisca”

  • Nuovi diesel sotto accusa: “Inquinano fino a 1000 volte quanto dichiarato dai test ufficiali”

  • “Vietata la bandiera italiana al Parlamento europeo”, la Lega attacca Sassoli

  • Smog, Italia è il secondo Paese Ue più inquinato dopo la Romania

  • “No alle bombe nucleari Usa a casa nostra”. Scoppia il caso in Belgio, ma riguarda anche l’Italia

  • "Proteggere le giovani donne dall'immigrazione": Austria verso stop a velo nelle scuole

Torna su
EuropaToday è in caricamento