Diesel, costruttori europei all'attacco: "Nuovi modelli rispettano già i limiti di emissione 2020"

Secondo l'Acea, la gran parte dei 270 veicoli a gasolio di ultima generazione sono meno inquinanti. Uno studio dell'International Council on Clean Transportation aveva invece sollevato dubbi

Le auto diesel di ultima generazione emettono basse emissioni inquinanti e rispettano i limiti di legge. E' quanto sostiente l'associazione dei costruttori europei di automobili (Acea), che ha realizzato uno studio sui nuovi modelli a gasolio venduti in Europa.

Si tratta di risultati, specifica una nota dell'associazione, misurati in condizioni di guida reali dai conducenti delle varie autorità nazionali di omologazione. Nell'ultimo anno sono stati introdotti sul mercato europeo circa 270 nuovi tipi di auto diesel omologate secondo l'ultimo standard Euro 6, ricorda Acea. "Tutte queste auto diesel hanno registrato emissioni ben al di sotto della soglia" di ossidi di azoto (NOx) nei test delle emissioni reali, che si applica a tutti i nuovi tipi di auto da settembre 2017. Inoltre, "già oggi la maggior parte di questi veicoli mostra risultati che sono al di sotto dei limiti più severi, che saranno obbligatori da gennaio 2020", aggiunge l'Acea.

Dati che pero' contrastano con uno studio pubblicato lo scorso giugno dall'International Council on Clean Transportation, secondo cui le auto diesel rimangono altamente inquinanti. In base a un test, che sarebbe impossibile da falsificare dai produttori e che è stato eseguito su 370mila nuovi modelli messi in commercio nel Regno Unito, in Francia e in diversi altri Paesi Ue, lo studio rivela che i nuovi modelli diesel rilasciati nel 2016 erano ancora in media cinque volte superiori al limite ufficiale di riferimento dell'Ue che è di 0,08 mg di ossidi di azoto (NOx) per chilometro. I modelli del 2017 erano leggermente più puliti, ma pur sempre con emissioni quasi quattro volte superiori a quelle consentite.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • Il crimine non ha genere: ecco le 21 donne più ricercate d'Europa

  • I Paesi più ricchi non vogliono mettere mano al portafoglio per il Bilancio Ue

  • In Grecia è di nuovo emergenza migranti, campi profughi al collasso

Torna su
EuropaToday è in caricamento