Per i commissari più viaggi su jet privati, aumentano le spese di trasporto per l’Ue

Juncker ha affettuato 50 voli nel biennio tra 2017 e 2018. Il nuovo appalto con tre imprese controllate dalla stessa società lussemburghese raddoppia i costi

Aumentano i fondi dell’Unione europea destinati al trasporto di alti funzionari e politici su jet privati. È quanto emerge da un’inchiesta di Politico, che ha ricostruito gli spostamenti dei membri della Commissione europea su aerei riservati, e da un avviso di aggiudicazione di un appalto per il periodo 2016-2021 dal valore di 10,7 milioni di euro. Si tratta di un aumento del 50% rispetto allo stanziamento previsto in precedenza, che ammontava a 7,1 milioni di euro. Le tre imprese vincitrici - Masterjet, Unijet e Abelag - appartengono tutte alla stessa società lussemburghese, Luxaviation Group.

L'impegno per il clima

La notizia arriva negli stessi giorni in cui è ripresa la mobilitazione per la lotta al riscaldamento globale, una battaglia che mette al centro anche le emissioni derivanti dagli aerei e jet privati. Negli ultimi mesi l'Ue ha posto sempre più l'accento sulle politiche ambientaliste e, in vista del vertice sul clima delle Nazioni Unite a New York, Miguel Arias Cañete, commissario europeo per l'Energia, ha dichiarato: “L'Ue ha una storia forte da raccontare: siamo leader globali per il clima”. Ursula von der Leyen, presidente eletta della Commissione europea, ha promesso di fissare l’obiettivo della neutralità climatica per tutta l’Ue entro il 2050.

I viaggi di Juncker

Su sollecitazione dei giornalisti, un portavoce della Commissione ha dichiarato che il presidente uscente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, ha effettuato 25 voli su aerei privati ​​nel 2018, lo stesso numero del 2017. Nel 2016 aveva preso 18 jet, rispetto ai 21 nel 2015. La Commissione precisa anche che i jet privati ​​vengono noleggiati solo quando non ci sono altre opzioni e ha osservato che le spese di viaggio del presidente sono pubbliche.

In relazione alla previsione di spesa rivista in aumento, il portavoce della Commissione precisa che “ciò non significa che verrà speso l'intero importo previsto dal contratto” ma che “garantisce semplicemente che la soglia sarà sufficiente a coprire le esigenze delle istituzioni Ue per il periodo restante”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tornano le miniere in Europa: "Aiutano l'ambiente e sono un tesoro da 100 miliardi"

  • I Paesi Ue più 'pericolosi' per gli atei? Italia e Spagna

  • Le ‘Sardine’ arrivano anche in Belgio, mobilitazione anti-Salvini ad Anversa

  • "Non compreremo più titoli di Stato", le banche italiane contro la riforma del Mes

  • Triste primato per il sud Italia: tra i neo laureati i tassi d'occupazione più bassi dell'Ue

  • I porti italiani non pagano la tassa sulle società, l'Ue apre indagine

Torna su
EuropaToday è in caricamento