Bruxelles dirà addio alle auto a diesel

Il governo della capitale del Belgio ha approvato un piano per la riduzione delle emissioni che chiede l'abbandono di veicoli a gasolio dal 2030 e di quelli a benzina e Gpl dal 2035

Foto archivio Ansa

Bruxelles è pronta a dire presto addio a tutte le auto a diesel. Il governo della capitale del Belgio, nonché dell'Europa, ha approvato una tabella di marcia che dovrebbe consentirgli di ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 40% nel 2030 rispetto al 2005 e di mettere la città sulla strada per raggiungere le emissioni zero entro il 2050.

Il piano nazionale

Nel testo approvato Bruxelle spiega come contribuirà all'obiettivo del piano nazionale con cui il Belgi contribuirà agli obiettivi a lungo termine di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra ai sensi dell'accordo di Parigi. La sua ambizione principale è contenere l'aumento della temperatura media da qui al 2100 al di sotto di 2 gradi e persino continuare gli sforzi per limitarlo a 1,5 gradi.

I trasporti

E naturalmente i trasporti, che da soli rappresentano il 26% delle emissioni di Bruxelles, saranno tra i principali destinatari delle misure in quanto, secondo il piano “il motore non ha più un posto nella città del 2050”. La tabella di marcia prevede di vietare le auto a diesel dal 2030 e quelle a benzina e GPL nel 2035. Gli standard della zona a basse emissioni nel centro cittadino saranno rafforzati dopo il 2025 e sarà stabilita una "zona a emissioni zero" da cui saranno più rapidamente esclusi diesel, benzina, due ruote e possibilmente camion pesanti. Inoltre la tassazione automobilistica sarà rivista in base al tipo di carburante, al peso e alla potenza effettiva del veicolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tornano le miniere in Europa: "Aiutano l'ambiente e sono un tesoro da 100 miliardi"

  • I Paesi Ue più 'pericolosi' per gli atei? Italia e Spagna

  • Le ‘Sardine’ arrivano anche in Belgio, mobilitazione anti-Salvini ad Anversa

  • "Non compreremo più titoli di Stato", le banche italiane contro la riforma del Mes

  • Triste primato per il sud Italia: tra i neo laureati i tassi d'occupazione più bassi dell'Ue

  • I porti italiani non pagano la tassa sulle società, l'Ue apre indagine

Torna su
EuropaToday è in caricamento