Il taxi in Finlandia si paga cantando, ed è amico dell'ambiente

L'iniziativa, che verrà lanciata in occasione di un festival rock, ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini sull'importanza del trasporto pulito

Voler prendere un taxi senza avere un soldo in tasca? C'è un posto in Finlandia in cui non è un problema: se sei disposto a cantare la corsa te la paghi col karaoke. Fortum Singalong Shuttle è un taxi ecologico che accetta solo il canto come pagamento e le cui corse sono a emissioni zero in quanto fatte con auto elettriche. Si tratta di un'iniziativa che si svolgerà per tre giorni nella città di Turku, in occasione del Ruinsrock festival che avrà luogo dal 6 all'8 luglio.

In quell'occasione le corse saranno offerte dalla Fortum, azienda all'avanguardia nelle tecnolgie pulite, e che punta così a farsi pubblicità ma sensibilizzando all stesso tempo clienti e società ad abbracciare il cambiamento per andare verso un'economia che ci possa permettere di avere un mondo più pulito. La Fortum sta sviluppando nel Paese nuove soluzioni di ricarica per i veicoli elettrici e la sua rete è la più grande nei Paesi nordici con oltre 2mila centri di ricarica in tutta l'area.

"Con Singalong Shuttle vogliamo mostrare alle persone in modo gioioso quanto sia comodo e facile guidare un'auto elettrica", spiega il direttore di Fortum, Jussi Mälkiä sottolineando come questo tipo di auto siano perfette per chi ama cantare in auto perché "permettono di divertirsi cantando senza rumore di sottofondo”, ma anche “senza emissioni" naturalmente. L'unico inquinamento che produrranno insomma sarà quello acustico, ma solo nel caso in cui uno dei passeggeri non dovesse essere proprio intonato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

Torna su
EuropaToday è in caricamento