Api e farfalle in via di estinzione, Ue pensa a strategia per salvarli: “A rischio 15 miliardi di produzione agricola”

La Commissione ha lanciato una consultazione pubblica per piani e programmi a difesa degli impollinatori selvatici. Uno su dieci è già scomparso 

EPA/KIM LUDBROOK

Un impollinatore selvatico su dieci è già scomparso dalla terra: api, farfalle e molti altri insetti, da cui dipendono circa 15 miliardi di produzione agricola solo in Europa, sono a rischio estinzione. Ecco perché la Commissione Ue ha deciso di lanciare una consultazione pubblica che porti all'attuazione di un'iniziativa europea sugli impollinatori. 

"Gli scienziati ci hanno avvertito del forte declino degli impollinatori in tutta Europa – dice il commissario europeo per l'Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella - Abbiamo una buona comprensione del declino per alcuni impollinatori mentre ci sono lacune nelle conoscenze per gli altri. è tempo di agire, se non lo facciamo, noi e le nostre generazioni future pagheremmo davvero un prezzo molto alto".

Il ruolo degli impollinatori

Gli impollinatori selvatici come le api, le farfalle e molti altri insetti impollinano le colture e le piante selvatiche, in modo che possano produrre frutta e semi. La revisione intermedia della strategia Ue 2020 sulla biodiversità ha dimostrato che l'impollinazione potrebbe diminuire in modo significativo. Se si considera l'insieme delle specie di api e farfalle, una su dieci si trova ad affrontare l'estinzione. Secondo una stima di Bruxelles, circa 15 miliardi di euro di produzione agricola annua dell'Ue sono direttamente attribuiti agli impollinatori. “Gli impollinatori sono troppo importanti per la nostra sicurezza alimentare e le comunità agricole, così come per la vita sul pianeta. Non possiamo permetterci di continuare a perderli”, dice Phil Hogan, commissario europeo all'Agricoltura. 

Come partecipare alla consultazione pubblica

Per contrastare il declino, la Commissione ha deciso di coinvolgere scienziati, agricoltori, imprese, organizzazioni ambientali, autorità pubbliche e cittadini per delineare un piano d'azione. La consultazione rimarrà aperta fino al 5 aprile 2018. Qui il link per parteciparvi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Migranti, M5s: "Porti chiusi senza intesa Ue". Ma la Francia: "Prima sbarchi, poi solidarietà"

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

Torna su
EuropaToday è in caricamento