"L'acqua pubblica non è un diritto umano universale": M5s e sinistra contestano il voto di Strasburgo

La commissione Ambiente del Parlamento europeo ha approvato un testo che “promuove l’accesso” ma non accoglie le richieste di cittadini e una parte dell'Assemblea che chiedevano il riconoscimento del bene comune. Limiti più stretti sulle sostanze inquinanti 

Incoraggiare i cittadini a bere dal rubinetto per abbandonare le bottiglie di plastica. Con questo obiettivo la commissione Ambiente del Parlamento europeo ha approvato un testo, che sarà votato in seduta plenaria a fine ottobre, per fissare limiti più bassi agli elementi inquinanti come piombo, PFAS (sostanze perfluoro alchiliche) e batteri nocivi. L’Eurocamera chiederà ai Paesi membri di installare rubinetti pubblici e scoraggerà il consumo di acqua imbottigliata anche in ristorante. 

Niente diritto all’acqua

Gli eurodeputati si sono espressi anche sull’iniziativa Right2Water da parte di 1.6 milioni di cittadini che avevano chiesto il riconoscimento del “diritto umano universale all’acqua potabile”. Il testo approvato in commissione prevede una più blanda “promozione dell’universale accesso all’acqua”. La votazione su questo punto ha visto sconfitti gli ambientalisti e la sinistra, nonostante il supporto esterno del Movimento 5 stelle.

M5s: “Vincono le lobby”

“Hanno vinto le lobby delle multiutility dell’acqua,” è  stato il commento a caldo della pentastellata Eleonora Evi. L’eurodeputata, che fa parte commissione Ambiente, si è scagliata contro la “linea conservatrice” che ha bocciato “tutti gli emendamenti che riconoscevano l’acqua quale bene comune”. Anche i limiti sulle sostanze PFAS, di recente rilevate in grandi quantità nel Veneto, secondo la Evi dovevano essere più stringenti e “vicini allo zero, in piena applicazione de principio di precauzione”.

Esulta il centrodestra europeo

Il francese Michel Dantin, relatore della proposta approvata, esprime la sua soddisfazione per la “risposta pragmatica e realistica” della commissione Ambiente all’iniziativa Right2Water, che, secondo l’esponente dei popolari europei, “migliorerà la qualità (dell’acqua ndr) e la rete di approvvigionamento idrico in Europa”. L’eurodeputato sostiene infine che i nuovi limiti alle sostanze contaminanti interverranno sui rischi “limitando nel contempo l'impatto sui prezzi dell’acqua”. 

Delusione dei promotori di Right2Water 

L’organizzazione Epsu (European Public Service Union), promotrice dell’iniziativa Right2Water, ha espresso con una nota tutto il suo disappunto per il mancato riconoscimento del “diritto universale” che sarebbe “negato a milioni di cittadini nell’Unione europea”. Jan Willem Goudriaan, segretario generale dell’Epsu, ha assicurato che i promotori continueranno a dare battaglia fino all’approvazione definitiva del testo prevista per la seduta del Parlamento a Strasburgo tra il 22 e il 25 ottobre. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Stanno difendendo gli interessi economici di chi ha sempre speculato sull'acqua che è oro infatti in italia ci sono molte truffe sulle bollette.

  • Ogni giorno i vertici UE provvedono a far aumentare gli Euroscettici, dando poi la colpa ai vari populisti di turno. L'impunità li fa pensare di essere "al di sopra" di tutto e di tutti.

  • Mafia allo stato puro

  • Soggetti indecorosi.

  • ma alla sinistra che gliene frega dell'acqua, manco si lavano

  • Una accozzaglia di bastardi che speculano su di un bene comune primario....

  • Neanche noi siamo bene con i pfas, aggiungiamo poi l'adrazina... Che questa Europa governata da privati intoccabili fosse al soldo delle lobby ormai è palese.

  • Se l'Europa difende i diritti dei migranti e affini mentre lede i diritti dei cittadini UE riguardo l'accesso a beni essenziali come l'acqua e simili, siamo veramente fregati.

  • carogne

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Google News a rischio chiusura in Europa: "Colpa delle regole Ue sul copyright"

  • Attualità

    Dov’è finito il “tesoro” di Gheddafi? Italia nello scandalo che fa tremare banche e governi europei

  • Lavoro

    Niente fondi e “secondo spread”: la riforma di Merkel e Macron preoccupa l'Italia

  • Attualità

    Diritti dei passeggeri: le 10 cose da fare quando aerei, treni, bus o navi sono in ritardo

I più letti della settimana

  • Epidemia di borreliosi di Lyme a livelli “allarmanti”, Strasburgo chiede interventi

  • Manovra, il braccio di ferro con l'Ue potrebbe costare 60 miliardi l'anno

  • Gilet gialli contro gli aumenti di benzina: il caso della protesta "social" che rischia di bloccare un Paese

  • Diritti dei passeggeri: le 10 cose da fare quando aerei, treni, bus o navi sono in ritardo

  • Reddito di cittadinanza, il governo tedesco “difende” la misura dei 5 stelle

  • Dov’è finito il “tesoro” di Gheddafi? Italia nello scandalo che fa tremare banche e governi europei

Torna su
EuropaToday è in caricamento